Veneti nel mondo: a Vicenza consulta e meeting sabato 29 – domenica 30

In Cansiglio la nona festa regionale di emigranti e discendenti

Iniziati il 27 luglio a Vicenza i lavori della Consulta regionale dei veneti nel mondo e del contestuale Meeting dei giovani veneti all’estero, si chiuderanno sabato e domenica. I rappresentanti dei comitati e delle federazioni degli emigranti veneti si daranno appuntamento a  Palazzo Barbarano, in Contrà Porti 11, sede del centro studi “A. Palladio”, per valutare gli esiti dei programmi annuali di iniziative a favore dei concittadini che risiedono all’estero, o sono di ritorno, e impostare le linee guida del programma 2018.

“Consulta e meeting sono le nostre antenne nei cinque continenti per dialogare direttamente con i milioni di veneti che hanno lasciato la loro terra, tra Otto e Novecento,  in cerca di lavoro e fortuna e hanno portato con sé lingua, cultura, laboriosità e valori, trapiantandoli nei quattro continenti”, commenta l’assessore al sociale e ai flussi migratori, che aprirà i lavori dei due organismi di rappresentanza. “Dai rappresentanti delle associazioni e dei comitati e dai giovani di origine venete (sono tali sino alla quinta generazione) ci aspettiamo osservazioni, proposte e progetti per rinsaldare i legami tra comunità lontane solo geograficamente, che rappresentano un immenso valore di esperienze, relazioni e di potenziali interscambi per una regione che conta oltre cinque milioni di discendenti  all’estero e che ora si trova a gestire l’ingresso di nuovi flussi migratori”.

Quest’anno, in collaborazione con la Consulta e i giovani del Meeting, la Regione ha promosso e finanziato progetti formativi, soggiorni in Veneto per gli emigranti ultrasessantacinquenni, master di studio nelle università venete per i giovani oriundi, oltre a contribuire alla vita delle associazioni all’estero e alle iniziative editoriali. Iniziative che proseguiranno anche nel 2018, e che potranno essere integrate o modificate sulla base delle  indicazioni della Consulta e dei rappresentanti dei giovani.

La tre giorni del ‘parlamentino’ dei veneti nel mondo si concluderà sabato 29 con l’approvazione di un documento finale di proposte che sarà consegnato alla Giunta veneta. Poi, domenica 30, i 27 rappresentanti della Consulta e del coordinamento dei giovani veneti all’estero saliranno sulla Piana del Cansiglio per la nona edizione della Giornata dei veneti nel mondo, alla quale presenzierà il presidente della Regione Veneto.

Il momento ‘clou’ della Giornata sarà la messa all’aperto celebrata dal cardinale Pietro Parolin, segretario  di Stato vaticano. Seguirà la premiazione, con la consegna dell’onorificenza ‘Eccellenze venete’, dei veneti che più si sono distinti nelle attività a favore dell’emigrazione e del ritorno degli oriundi: a ricevere il premio, di nuova istituzione, saranno Luigi Querincig, Hedi Damian e Conrado Franco Varotto; ad altri tre veneti, Egidio Granzotto, Gilberto Maggiolo e Giuseppe Fin, andrà un attestato di ringraziamento.

 

Giorgio Gasco