Viabilità a Noale, si cambia: riapre il traffico tra piazze

Si potrà passare dalla Castello verso la XX Settembre, spazio ai parcheggi veloci. Nuove aree sosta attorno al centro storico e semafori “anticoda” sulla Noalese

Otto punti per rivedere la viabilità del centro di Noale, tra cui ricollegare le due piazze, pedonalizzare una parte di piazza Castello e restituirla a chi cammina, assieme a piazza XX Settembre, nei giorni festivi. Ci hanno provato un po’tutti gli ultimi sindaci della Città dei Tempesta e ci prova pure Patrizia Andreotti che, con la sua giunta, ha stilato un atto d’indirizzo per riorganizzare il centro storico.

Cinque anni fa i commercianti protestavano contro Michele Celeghin per aver diviso in due il capoluogo, piazza Castello da una parte e piazza XX Settembre dall’altra. Celeghin aveva fatto altree modifiche e molti negozianti non le avevano digerite. Ora tenta il suo successore Andreotti, che mette nero su bianco i risultati del gruppo di lavoro costituito da tre consiglieri comunali (Francesco De Marchi, Riccardo Canil e Davide Boschin), altrettanti tecnici e la polizia locale.

«Aumenteremo la sicurezza per i cicli e i pedoni» spiega la sindaca Andreotti «rivisitando le piste ciclabili e saranno pedonali delle aree oggi confuse». Il documento approvato delega l’ufficio Tecnico ad assegnare l’incarico esecutivo per poi partire. E i tasti da toccare saranno otto; intanto la riapertura al transito delle due piazze anche nella direzione da piazza Castello verso piazza XX Settembre, rendere questi due luoghi pedonali nei giorni festivi, mentre una parte di piazza Castello lo sarà in modo permanente.

Sempre in piazza Castello, si punta a realizzare dei parcheggi veloci e delle aree carico-scarico tra le torri dell’Orologio e delle Campane per andare incontro alle esigenze dei commercianti, che avranno il totale accesso ai negozi nei feriali. Per consentire alla gente di arrivare il centro storico a piedi, la maggioranza punta a incentivare le aree sosta nelle zone attorno, in modo da liberare un po’ alla volta i veicoli parcheggiati nel cuore di Noale e costruire piste ciclabili più sicure sempre tra piazza Castello e XX Settembre.

Infine, sostituire i due semafori di piazzetta del Grano e in via La Fonda (lungo la Noalese) con impianti moderni e dotati di sensori anticoda.

«Ci sono stati dei compromessi» spiega De Marchi incaricato da Andreotti a seguire in prima persona il progetto «e penso sia la risposta giusta anche a chi, da fuori, credeva che ciò si sarebbe bloccato».

A.V.