Veneto

Le colline patrimonio Unesco

Le colline di Conegliano e Valdobbiadene e del prosecco diventano il 55° sito iscritto nella lista. Il riconoscimento è avvenuto domenica 7 luglio a Baku, in occasione della 43° sessione del Comitato mondiale dell’agenzia culturale delle Nazioni unite. Le colline del prosecco di Conegliano e Valdobbiadene (Treviso) sono state dichiarate Patrimonio mondiale dell’umanità dall’Unesco.

Il Made in Italy

Il Made in Italy a tavola si conferma una realtà da primato in Europa e nel mondo. L’ Italia può contare su molti «tesori» già iscritti nella Lista rappresentativa del patrimonio culturale immateriale dell’Unesco: dall’Opera dei pupi, all’arte dei pizzaioli napoletani fino alla Falconeria.

Luca Zaia e le “sue” colline

«Le Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene sono patrimonio dell’Umanità. La 43° sessione ha iscritto le Colline trevigiane nella lista dei paesaggi culturali da tutelare», dice il governatore del Veneto Luca Zaia. 

Il governatore quasi più soddisfatto di Cortina

“Ci avevamo creduto sin dall’inizio, quindi dieci anni fa, quando demmo avvio al percorso per candidare questo territorio veneto a patrimonio dell’umanità e ora siamo riusciti. Il riconoscimento consacra quindi il lavoro di un intero territorio nonché averlo fatto insieme, esalta la gioia della vittoria.

L’iscrizione al registro

L’iscrizione delle colline del Prosecco nel registro dell’Organizzazione delle Nazioni Unite significa promuovere a livello internazionale un microcosmo fatto di natura e di cultura della Sinistra Piave.

Le colline

Le colline del Prosecco ricoprono un’area di 15 comuni e si estendono, da est a ovest, da Vittorio Veneto a Valdobbiadene includendo a sud Conegliano, per quasi 19.000 ettari, distinti tra un’area centrale (core area) di 9700 ettari, e un’area definita cuscinetto (buffer zone)altrettanto grande. Come la grande muraglia cinese, le cascate dell’Iguazù tra Argentina e Brasile, Babilonia e il Kilimangiaro, sono ora tra i più importanti elementi ambientali, culturali e monumentali del mondo. Nel 1987 è stata la volta della laguna di Venezia, 10 anni dopo l’Orto Botanico di Padova e nel 2009 le Dolomiti

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close