Veneto

Libri, a Rovigo arrivano i “silent book”

Rovigo. Lo scorso venerdì 29 marzo Ivan Dall’Ara, Presidente della Provincia di Rovigo, ha inaugurato una nuova mostra organizzata dal Sistema Bibliotecario Provinciale. E così a Rovigo arrivano i “silent book”, i libri in formato alternativo. La kermesse chiuderà i battenti il 13 aprile per poi spostarsi nei Comuni e nelle biblioteche del Polesine.

libri rovigo silent book
Library

Cosa sono i “silent book”?

Ma iniziamo con lo spiegare cosa sono questi “silent book”. Tradotta dall’inglese, l’espressione significa “libro silenzioso”. In senso figurato, quindi, i silent book sono quei libri dove il racconto si sviluppa solo attraverso immagini e illustrazioni, senza l’utilizzo di parole.

È evidente che si tratta di un formato molto adatto alla prima infanzia. I silent book sono infatti fondamentali per sviluppare nei bambini che ancora non sanno leggere e scrivere la curiosità verso ciò che li circonda.

Solo un prodotto per bambini?

Di conseguenza, spesso i silent book vengono frettolosamente relegati alla sfera infantile e considerati quasi “libretti di serie B”. Ma secondo gli organizzatori della mostra non è così. Al contrario, molto spesso queste opere hanno uno spessore narrativocomplesso e di rilievo. Le immagini si susseguono con un criterio scenografico, impegnando il lettore nell’interpretazione: vere e proprie opere letterarie di pregio anche artistico.

Ma questi libri hanno anche un altro importante vantaggio. Non contenendo parole scritte, sono fruibili da chiunque e permettono così di superare tutte le barriere linguistiche, culturali e sociali. Lettori di ogni lingua possono goderne.

libri rovigo silent book

La kermesse

Ma la mostra rodigina, curata dalla bibliotecaria Sara Bordiga, non comprende solo l’esposizione di libri illustrati: la kermesse include anche momenti di partecipazione attiva. Sono previsti incontri con i bibliotecari, con le scuole, con gli insegnanti, gli operatori del settore editoriale e anche con i genitori.

Inoltre, all’interno di “silent book” troviamo anche una interessante “mostra nella mostra”. “Un anno con Emma”, che propone una serie di tavole estratte dal libro illustrato dell’autrice Giovanna Gazzi. I visitatori potranno così conoscere la storia della piccola Emma, alla scoperta delle stagioni e dell’alternarsi della natura. L’autrice si è confrontata con il pubblico sull’evoluzione del proprio processo creativo raccontando i suoi disegni originali, le sue metodologie narrative, le sue soluzioni tecniche.

In più, tutti i libri esposti saranno rintracciabili sul Catalogo OPAC Provinciale e possono essere richiesti tramite il prestito interbibliotecario gratuito ad una qualsiasi delle biblioteche aderenti alla rete.

Il programma espositivo

Il Presidente Dall’Ara ha illustrato il programma degli appuntamenti in calendario, specificando che a conclusione del progetto la mostra potrà essere allestita gratuitamente nei Comuni e nelle Biblioteche che ne faranno richiesta.

La mostra, gratuita e liberamente accessibile, rimarrà aperta a Rovigo, in Sala Celio, fino al 13 aprile, per poi spostarsi in diversi Comuni e biblioteche del Polesine.

Visitarla è un’occasione per favorire il confronto intergenerazionale e tra culture diverse. Permette di scoprire libri che, nonostante non contengano parole, hanno davvero molto da dire.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close