Veneto

Msc si schianta contro una banchina

Se si voleva gettare benzina sul fuoco sulla questione delle Grandi Navi in Laguna l’incidente di stamattina con una Msc da crociera contro una banchina e il lancione turistico Michelangelo questa mattina, è stato fatto. E’ avvenuto nel canale della Giudecca a Venezia. Danni agli scafi, alcune persone nell’impatto sono cadute dalla passerella del lancione in acqua, per fortuna nessun disperso ma quattro i feriti trasportati in ospedale.

Nessun disperso

Ci sono quattro persone contuse, in modo lieve, tra i passeggeri del battello turistico contro il quale si è scontrata la nave Msc Opera. Tanta paura per i passeggeri della nave travolta, usciti in tutta fretta, e per tutti quelli che si trovavano sulla banchina.

La dichiarazione del comitato di residenti

“La Opera Msc stava transitando nel canale della Giudecca trainata da due rimorchiatori, qualcosa però è andato storto all’attracco al molo di San Basilio, i rimorchiatori non sono riusciti a governare la nave da crociera che si è diretta verso la riva, dove era ormeggiata la Michelangelo. Lo scontro con la banchina e con la nave è stato inevitabile”.

Francesco Bortoluzzi e l’Msc

A parlare per tutti è il Dottor Francesco Bortoluzzi, grastroenterologo all’Ulls3 Serenissima. “Abito in Salizada San Basilio di fronte alla marittima. Abbiamo avuto subito la percezione che la Msc Opera arrivasse a tutta velocità tanto che si è incastrata nella banchina di cemento andando a sbattere contro la Michelangelo e la prua della Msc Opera si è incassata nella stessa Michelagnelo attaccandosi prtaticamente di fianco”.

L’Msc adesso

“Al momento l’hanno staccata anche se sempre è sempre incollata alla Michelangelo davanti alla stazione marittima. Per fortuna non è successo nulla e ci sono solo stati solo quattro infortunati lievi e pensiamo che sia stato merito del pilota. Certo che se questo è il segnale della sicurezza abbiamo tutti i diritti di protestare”

Monica Sambo

Monica Sambo consigliere comunale dice “Ciò che da sempre diciamo è ribadito dai fatti, è inaccettabile che le grandi navi passino dal bacino di San Marco e dal Canale della Giudecca . Il Governo Lega -5 stelle ha dimostrato la sua inadeguatezza, è necessario trovare con urgenza una soluzione che salvaguardi città, ambiente e i lavoratori”. 

La considerazione

“L’evento di oggi non può che determinarci, anche agli occhi del mondo – e Venezia ci appartiene ma appartiene anche all’umanità intera – a decidere in modo limpido, senza pregiudizi o partigianerie. Questo governo ha rassicurato l’Unesco insieme al Comune di Venezia, ma entrambi di fatto hanno solo rinviato la soluzione del problema, per non vedere Venezia “declassata”.

La paura per Venezia

Questo atteggiamento e questa inerzia continuano a mettere in contrapposizione ambiente e lavoro e la città  non può più aspettare!

L’audio del pilota Msc

Secondo l’audio tra pilota e comandante della Marittima si capisce che il pilota è stato bravo anche nel gestire la situazione con i rimorchiatori anche se la nave era fuori controllo.

Gian Nicola Pittalis

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close