Veneto

Personale. Mira aiuta le scuole

Il Comune di Mira aiuta a sopperire alla carenza di personale come collaboratori scolastici nelle scuole del territorio con persone inserite nel percorso del reddito di inclusione.

La dichiarazione

personale mira

«Siamo venuti a conoscenza di difficoltà legate alla carenza di personale nelle scuole» spiega l’assessora alle Politiche educative Elena Tessari «Già solo per l’istituto comprensivo Luigi Nono per l’anno scolastico in corso l’Ufficio scolastico territoriale ha previsto una decurtazione di 5 collaboratori scolastici. Con difficoltà soprattutto all’ingresso e uscita degli alunni».

La collaborazione per il personale a Mira

Il Comune quindi in collaborazione con i dirigenti scolastici di due istituti comprensivi, si è adoperato per supportare la scuola. A beneficio dei suoi studenti nonché del personale. È partita quindi la seconda progettualità Reddito d’inclusione attiva, che coinvolge le scuole del territorio, a sostegno del personale. I progetti puntano quindi a favorire la risocializzazione di persone che dimostrino volontà di impegnarsi. 

L’assessore

personale mira

«Attualmente» sottolinea Tessari «ci sono circa 20 persone impegnate nel progetto. Due di queste stanno ora supportano le nostre scuole, una per ogni istituto. Vogliamo dare un aiuto a realtà che consideriamo fondamentali». È intenzione del Comune continuare su questa strada nonché aiutare persone in difficoltà, alunni e famiglie nelle scuole dell’obbligo a Mira. 

Il futuro del personale

Il comune di Mira ha già annunciato di voler continuare su questa strada anche nei prossimi anni, soprattutto se dovessero arrivare altri tagli. Quindi, come dichiarato dall’Assessora Tessari, il progetto andrà avanti fino a quando non si troverà la soluzione. Nel frattempo si aiuteranno contemporaneamente due istituti comprensivi sia quei cittadini che versano in condizioni disagiate con la speranza che il progetto di inclusione porti loro anche un lavoro più stabile. «Al momento – ha dichiarato il sindaco Dori – la situazione non è rosea ma ci impegniamo da subito affinché possa essere risolta presto con vantaggio per le scuole e per il personale».

A.M.U.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close