Veneziano

Stalking. 600 sms alla ex: in galera

Con un precedente datato 2015, sempre per stalking nei confronti di una donna, era stato condannato e affidato in prova ai servizi sociali. Aveva dovuto frequentare un corso per uomini maltrattanti proprio per cercare di analizzare le cause del suo comportamento penalmente rilevante. E mettere in atto strategie per non ricaderci più. Ma il corso evidentemente non ha dato i risultati sperati. Nei giorni scorsi l’uomo, un 23enne italiano che vive a Favaro, è stato arrestato in flagranza per stalking nei confronti di un’altra donna.

Il carcere per stalking

Ora si trova in carcere a Santa Maria Maggiore, dove resterà anche prossimamente come ha deciso la gip Barbara Lancieri al termine dell’udienza di convalida. Così come richiesto dalla pm di turno Federica Baccaglini.La fine di un incubo per la 30enne di Pianiga, ma originaria di Padova, che con il 23enne aveva avuto una breve relazione sentimentale.

La storia

I due si erano conosciuti perché lavoravano per la stessa azienda. Un anno fa avevano iniziato la storia che si era conclusa dopo soli quattro mesi perché tra i due le cose non andavano bene e la ragazza aveva deciso di dire basta. Ma il 23enne, dal giorno dell’addio, non si era mai rassegnato alla fine di quella relazione che aveva vissuto come uno schiaffo troppo forte.

Dall’ossessione allo stalking

L’ossessione per il rapporto finito è diventata stalking. Lui era arrivato fino ad introdursi in casa della ragazza nel cuore della notte. Oltre che a minacciarla pesantemente. La scorsa settimana, oramai esasperata, la ragazza ha denunciato il suo persecutore ai carabinieri. Ma le cose nei giorni successivi non sono cambiate.

Gli sms

Basta solo un dato: dal 26 al 29 agosto scorso, l’uomo ha inviato 600 messaggi su Whatsapp alla ragazza. Le notifiche sullo smartphone della 30enne arrivavano ad ogni ora del giorno e della notte. I messaggi avevano i toni più vari. Dalle richieste di poter tornare assieme alle minacce vere e proprie, come quella di presentarsi sotto casa sua a Pianiga. Minaccia, quest’ultima, che si è trasformata in realtà.

Le indagini per stalking

L’uomo – hanno ricostruito i carabinieri della Tenenza di Dolo – ha raggiunto Pianiga in treno e poi ha percorso circa tre chilometri a piedi con il buio fino a raggiungere la casa della sua ex. Lei, intanto, memore dei messaggi e terrorizzata dal fatto che si sarebbe potuta trovare l’uomo sotto casa ha chiamato i carabinieri per avvertirli di quell’ennesima minaccia di visita non certo gradita.La pattuglia, restando in collegamento telefonico con la ragazza che nel frattempo era arrivata, ha intercettato il 23enne proprio davanti all’abitazione e lo ha portato in caserma.

Le minacce continue

Il giovane non è si è scoraggiato nemmeno alla vista dei militari, continuando a minacciare la ex fidanzata. Arrestato per stalking aggravato e minacce e portato in carcere difeso dall’avvocato Francesca Donadon, ha sostanzialmente ammesso gli addebiti nel corso dell’udienza di convalida. «Faccio tutto quello che c’è da fare», dicendosi pronto a lavorare su di sé. Ma per il momento, tenuto conto della gravità dei fatti contestati, il 23enne resta in cella.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close