Cultura e spettacolo

Camilleri, addio al re

Si è spento all’età di 93 anni quello che tutti hanno più semplicemente ricordato e ribattezzato come il padre del commissario RAI Montalbano. Camilleri

Il suo contributo al teatro

Prima di diventare firma di successo per la TV con il commissario siciliano infatti, Andrea Camilleri, regista e autore, ha apportato un enorme contributo al teatro.

teatro

Camilleri memorabile

A lui si deve l’arrivo in Italia di Samuel Beckett, quando mise in scena, nel 1958 al Teatro dei Satiri di Roma, l’opera “Finale di partita”. Senza dimenticare i numerosi riconoscimenti ottenuti e gli importanti ruoli assunti a teatro.

L’ultima volta in scena

L’11 giugno 2018 Andrea Camilleri ha portato in scena al teatro greco di Siracusa, per l’ultima volta, “Conversazione con Tiresia” alla presenza di 4.000 spettatori.

Gli incarichi di Camilleri

Presidente del comitato scientifico dell’istituto nazionale del dramma antico, docente al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, titolare della cattedra di regia all’accademia Silvio D’Amico.

Il saluto di Carlo Fontana

Il presidente AGIS (Associazione Generale Italiana dello Spettacolo), ha commentato la notizia della morte di Camilleri definendola “una perdita immensa per la cultura italiana”.

Chi era Camilleri

Andrea Calogero Camilleri (Porto Empedocle, 6 settembre 1925 – Roma, 17 luglio 2019) è stato uno scrittore, sceneggiatore, regista, drammaturgo e insegnante italiano. Ha insegnato regia all’Accademia nazionale d’arte drammatica.Nasce il 6 settembre 1925 a Porto Empedocle (AG). Vive a Roma dalla fine degli anni quaranta e dal 1968 trascorre alcuni mesi l’anno a Bagnolo, frazione di Santa Fiorai n Toscana. Dal 26 settembre 2014 è cittadino onorario del borgo toscano, da lui descritto come suo “luogo del cuore”; il 14 agosto 2017 gli viene intitolato il Teatro Comunale del paese grossetano.

L’addio

«Se potessi, vorrei finire la mia carriera seduto in una piazza a raccontare storie e alla fine del mio ‘cunto’, passare tra il pubblico con la coppola in mano». La mattina del 17 giugno 2019, Camilleri viene trasportato in gravi condizioni all’ospedale Santo Spirito di Roma per un arresto cardiorespiratorio e ricoverato in prognosi riservata nel reparto di rianimazione, dove muore il 17 luglio senza aver mai ripreso conoscenza. Il creatore del commissario Montalbano è stato colpito dal malore mentre si stava preparando a partecipare con la sua Autodifesa di Caino allo spettacolo che si sarebbe tenuto il 15 luglio alle antiche Terme di Caracalla.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close