Cultura e spettacolo

Direttamente da Italia 1 lo spettacolo di Paolo Ruffini “Up&Down”

SANTA LUCIA DI PIAVE. Il 12 gennaio 2019, unica data regionale, arriva in Veneto, nei Padiglioni ex Filanda di Santa Lucia di Piave (TV), UP&Down lo spettacolo che Paolo Ruffini porta in scena con quattro attori con Sindrome di Down, uno autistico e uno in carrozzina, tutti parte della compagnia  livornese Mayor Von Frinzius diretta dal regista Lamberto Giannini, compagnia nata nel 1997 e composta da 97 attori, metà dei quali sono  persone con disabilità.

Allo spettacolo UP&Down  prendono parte  sei  attori  di  questa  compagnia:  uno  di loro  è  autistico  e  gli  altri  cinque  hanno  la Sindrome di Down. Un meraviglioso viaggio che racconta la bellezza delle diversità e porta al pubblico un messaggio importante: siamo tutti diversamente abili.

Il Comune di Santa Lucia di Piave  ha  subito concesso il patrocinio, confermando  di  credere fortemente nel valore del teatro integrato: un’esperienza in cui le distanze tra palcoscenico e platea si annullano, nel  quale comicità e irriverenza accompagnano gli  spettatori in un viaggio che racconta la  bellezza che risiede nella diversità.

Un esilarante happening comico, al tempo stesso emozionante,  in cui i protagonisti si fanno portatori di un messaggio profondo, ossia che sempre più persone non sono abili alla felicità o all’ascolto, e quindi alla fine siamo tutti diversamente abili,  diversamente  normali  e meravigliosamente diversi. Lo scheletro dello spettacolo, prodotto da Non c’è Problema, è costruito  sull’intenzione  di Paolo Ruffini di realizzare uno straordinario One Man Show, con imponenti  scenografie ed effetti speciali. Parte però una sequela di boicottaggi e rocambolesche interruzioni in cui gli attori fanno irruzione dimostrando di essere molto più “abili” di lui.

“Questo progetto è anche un’indagine sulla normalità – spiega Ruffini – davvero un cromosoma in più o in meno decide se sei diverso? Rispetto a chi? Questi ragazzi sono dotati di una maschera da commedia dell’arte pazzesca, sono interpreti straordinari perché possono essere continuamente bugiardi, ma non saranno mai finti, e questo sul palcoscenico è un grande vantaggio”.

“Il teatro è un sistema decisamente migliore del nostro tessuto sociale – continua Ruffini – La banalità moralista afferma che siamo tutti uguali, il teatro invece sostiene che per fortuna siamo tutti diversi, e se io su quella differenza ci punto un faro, ecco che diventa una risorsa”.

Up&Down è in tournée nei maggiori teatri italiani e sta registrando un sold out dopo  l’altro. Inoltre dall’esperienza teatrale è nato il documentario UP&Down – Un film normale,  prodotto da Non c’è Problema, Laser Film, Fenix Entertainment e Agnus Dei Production, che ha ricevuto a settembre il  Premio Kinéo alla Mostra del Cinema di Venezia  ed è stato presentato ad  ottobre alla Festa del Cinema di Roma nella Rassegna “Alice nella città”.

Un’opera del tutto priva  di  fiction,  le  cui  riprese  sono  state  realizzate  durante  il tour in giro per l’Italia, con i viaggi, i backstage, i momenti rubati dietro le quinte e durante le prove raccontati dalla voce narrante di Pino Insegno.

La pellicola verrà proiettata al Cinema Méliès di Conegliano nel pomeriggio del 12 gennaio 2019, permettendo così a  tutti coloro che vorranno seguire entrambi gli eventi una doppia straordinaria esperienza emozionale.

Biglietti: in prevendita su Eventbritehttps://www.eventbrite.it/e/biglietti-up-down-in-filanda-a-santa-lucia-di-piave-53445938240  o presso Galileo sas chiamando il numero dedicato: 346 0757861

Sara Zanferrari

 

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close