Cultura e spettacolo

Insieme Idee e Persone a Vicenza

Sabato 31 ottobre la trasmissione Insieme Idee e Persone condotta da Vincenzo Lovino, era a Vicenza per seguire la manifestazione dei commercianti contro il Dpcm di Conte.

Ci siamo incontrati alle 17.30 in Piazza dei Signori, luogo della manifestazione, per intervistare alcuni consiglieri regionali e la presidente di Apindustria, che hanno accolto con piacere il nostro invito.

Ecco alcune delle loro dichiarazioni riguardo la manifestazione e le restrizioni imposte dal Governo.

Le interviste

La senatrice Erika Stefani ha dichiarato: “Questa seconda ondata del virus era del tutto prevedibile, il Governo non ha preso abbastanza misure per affrontarla” e ancora,” da anni non c’erano manifestazioni di questo tipo, la gente è arrabbiata, stanca e ha bisogno di sentirsi tutelata”.

Dello stesso avviso è anche Roberto Ciambetti, Presidente del consiglio regionale Veneto che sostiene:” Non c’è nessuna curva epidemiologica per chiudere i ristoranti alle ore 18.00″. E dichiara:  “l’incapacità di questo Governo è sotto gli occhi di tutti, ci sono strutture e mezzi pubblici non all’altezza”.

Anche Jacopo Maltauro, consigliere regionale di Vicenza ribadisce: “manca progettualità” trovando d’accordo anche la presidente di Apindustra, Elisa Benerio che sottolinea: “siamo tutti compatti per sostenerci in questo momento che ha messo in difficoltà tutto il settore terziario”.

Marco Zecchinato, consigliere regionale fa un appello a tutti i cittadini:” Ci vuole prudenza, igienizzate le mani, usate la mascherina e limitate i contatti”.

La speranza

Piazza dei Signori alle 18.30 si è gremita di persone che in modo pacifico hanno manifestato tutta la loro disperazione, sono piccoli commercianti, proprietari di bar e ristoranti, proprietari di palestre che hanno bisogno di continuare a lavorare per provvedere alla loro famiglia.

Ci auguriamo che venga data più autonomia alle Regioni che conoscono bene il territorio per poter far fronte a provvedimenti generalisti che stanno mettendo in ginocchio tutta la nostra economia.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close