Cultura e spettacolo

Insieme idee e persone miete successo

Grande successo per le ultime due puntate di mercoledì 28 e giovedì 29 ottobre della trasmissione Insieme Idee e Persone condotta da Vincenzo Lovino.

Un numeroso seguito, non solo per la diretta televisiva ma anche quella Facebook, nella pagina dedicata alla trasmissione.

I temi affrontati in queste due serate sono tanti e importanti.

Restrizioni  e manovre governative, benessere e salute ma anche preziose testimonianze dal panorama sportivo, duramente colpito dall’ultimo Dpcm di Conte e, dalle manifestazioni pacifiche dei commercianti di Treviso, grazie alla testimonianza di Andrea Penzo Aiello, presidente di Treviso Imprese Unite.

Gli ospiti

Numerosi gli ospiti in puntata e in diretta Skype ma non solo, le telecamere della Trasmissione Insieme Idee e persone, hanno portato in diretta anche le testimonianze di  numerosi studenti di Padova, imprenditori e consiglieri regionali di Verona, intervistati i giorni scorsi, che hanno dato voce al loro malcontento rispetto agli aiuti e alle proposte insufficienti, che fino ad oggi il Governo ha riservato all’università e alle attività commerciali colpite da questa grave crisi economica.

Nella puntata di mercoledì 28 ottobre in studio e in diretta Skype c’erano

-Piergiovanni Sorato, Coordinatore giovani Lega Veneto.

-Vanessa Camani, Consigliere regionale Veneto,PD

-Filippo Gallocchio, Consigliere comunale,MS5

-Luca Vallenari, Coordinatore provinciale Forza Italia Giovani.

-Alessio Diana, Istruttore fitness e Personal Trainer, Cittadella,(Pd).

-Marco Campagnolo, gestore palestra Cinque Cerchi,Cittadella,(Pd).

-Andrea Penzo Aiello, presidente Treviso Imprese Unite.

I commenti

Andrea Penzo Aiello, presidente di Treviso Imprese Unite, racconta la grande partecipazione alla manifestazione organizzata dai commercianti a Treviso i giorni scorsi e,-dichiara:” un successo aldilà delle nostre aspettative ma continua: “abbiamo sfiducia nel Governo, vogliamo essere ascoltati”.

Vanessa Camani, PD ammette: “arriviamo  a queste restrizioni con più rabbia, dovremmo avere un Governo più  coeso”.

Rabbia che colpisce aspramente il mondo dello sport che con fiducia aveva riaperto palestre e piscine, rispettando ogni protocollo di sicurezza.

Marco Campagnolo, titolare della Palestra 5 cerchi fit di Cittadella, si sfoga davanti alle nostre telecamere e, dichiara “queste misure sono ingiuste per chi come noi aveva investito tempo e denaro per la sicurezza, rischiamo di non riaprire”. Anche Luca Vallenari, coordinatore provinciale Forza Italia giovani ma anche presidente di una squadra di calcio dilettantesca afferma quanto il Governo non sia stato da subito chiaro per il settore sport e, in generale sostiene con fermezza:” Questo Governo ha un grande problema di comunicazione con i suoi  cittadini, non esprime chiarezza di intenti”.

Più moderato invece è Filippo Gallocchio che ricorda: “Siamo di fronte ad una pandemia mondiale, il virus è il vero nemico non il Governo”.

Ecco gli ospiti di Giovedì 29 ottobre in studio e in diretta Skype

Anna Maria Bigon, Consigliere regionale del Veneto,PD.

Alberto Villanova, Medico (Laureato in odontoiatria) e Consigliere regionale del Veneto, Lista Zaia.

Simonetta Rubinato, Avvocato.

Veronica Rigoni, Coordinatore provinciale Veneto,Forza Italia Giovani.

Maria Quarato, Psicologa Clinica, Psicoterapeuta, Autrice 

Alessio Tavecchio, vicepresidente Fia Confindustria.

Salute e sanità

La serata si apre indagando da vicino la differenza tra salute e sanità, tema importante per la Dott.ssa Maria Quarato, Psicoterapeuta che sottolinea un’importante diversità: “quando parliamo di salute dobbiamo tenere da conto alcuni importanti aspetti, non solo quello sanitario ma anche quello psicologico che riguarda l’aspetto sociale, lavorativo e relazionale delle persona”.

Alberto Villanova, medico invece esprime preoccupazione per l’aspetto sanitario: “ad oggi non sappiamo come si comporterà questo virus, siamo preoccupati che aumentino i ricoveri”.

Salute sanità ma non solo al centro del dibattito c’è  chi ammette carenze significative del governo che non ha preso sufficienti misure di prevenzione e chi, invece, sostiene che gli italiani avrebbero dovuto comportarsi più responsabilmente. Come il consigliere regionale Anna Maria Bigon che dice: “la colpa è dei cittadini, troppa movida”.

E non importa che ad oggi siano solo e solamente i cittadini a pagare come dichiara Alessio Tavecchio, -vice presidente Fia confindustria,(servizi privati di autonoleggio): “se il Governo non ci aiuterà dovremmo chiudere entro fine anno”.

Governo o cittadini? A chi diamo la colpa?

Il nostro pensiero è solo uno, basta colpevolizzare. Dobbiamo risollevare al più presto un Paese che sta pagando su più fronti: salute, lavoro, relazione. E il Governo dovrebbe darci e garantirci più coesione, più chiarezza e più concretezza.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close