Cultura e spettacolo

Morta la giornalista Luciana Boccardi, decana delle firme della moda italiana

E’ morta ieri all’ospedale di Venezia la giornalista e scrittrice Luciana Boccardi, che ha lavorato per molti anni alla Biennale di Venezia organizzando festival di musica e teatro, è stata inviata di moda per Il Gazzettino, studiosa di costume e aveva esordito nella narrativa a 89 anni. Cresciuta in una famiglia di musicisti, nata a Venezia il 2 ottobre 1932, era vicina ai 90 anni. Storica collaboratrice de Il Gazzettino (tra l’altro nel sito www.gazzettino.it web curava il blog “Modi e moda”, l’ultimo articolo l’ha pubblicato il 7 dicembre scorso). Il marito, Virgilio Boccardi, caporedattore alla Rai, era scomparso tre anni fa.

Gravi condizioni

Le sue condizioni si sono aggravate ieri improvvisamente. Lascia il figlio Emiliano. Lo annuncia la casa editrice Fazi che da poco aveva pubblicato il secondo romanzo ‘Dentro la vita’ di una trilogia partita con ‘La signorina Crovato’, suo esordio narrativo uscito nel 2021, in cui ha raccontato la sua avventurosa vita. “Spero che questo libro possa dare coraggio perché questa è l’era della paura. Si ha paura di tutto, anche di dire le cose.Le sue condizioni si sono aggravate ieri improvvisamente. Lascia il figlio Emiliano. Lo annuncia la casa editrice Fazi che da poco aveva pubblicato il secondo romanzo ‘Dentro la vita’ di una trilogia partita con ‘La signorina Crovato’, suo esordio narrativo uscito nel 2021, in cui ha raccontato la sua avventurosa vita. “Spero che questo libro possa dare coraggio perché questa è l’era della paura. Si ha paura di tutto, anche di dire le cose.

Esperta di moda, scrittrice, storica. Una figura di caratura mondiale

Si trovano sempre i modi per scappare, per fuggire” aveva detto. Ne ‘La signorina Crovato’ la Boccardi ci porta negli anni dal fascismo al dopoguerra. Nel 1936 Luciana non ha ancora compiuto 4 anni quando l’adorato padre, clarinettista, ateo e antifascista, non può più provvedere alla famiglia, la mamma fa quello che può e l’assillo della miseria si fa sentire. Ma Luciana non si perde d’animo e impara mille mestieri, garzona di panetteria, apprendista parrucchiera, ricamatrice di borsette a venti lire al pezzo e damina di compagnia delle bambine di una ricca famiglia dove impara il francese. Nelle intenzioni dell’autrice, ‘La Signorina Crovato’ doveva essere “il primo libro di una trilogia che va da metà ‘800 ai suoi 18 anni. Poi dai 19 anni ai 60 anni come ha raccontato in ‘Dentro la vita’ e infine alla vecchiaia. “Se non muoio prima” aveva detto quando non era ancora uscito il secondo volume. Stava iniziando a scrivere il terzo volume che voleva consegnare nel 2022. 

Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close