Cultura e spettacolo

Parola alle donne e ai loro libri

Parola alle donne. Ai libri scritti da donne. Ragazze, studentesse, nonne, mamme, lavoratrici e figlie. Da anni il concorso letterario “Parola alle donne” vede una grande partecipazione.

L’iniziativa è nata con dalla dalla volontà di dare voce alle testimonianze di donne, ed offrire una concreta opportunità di espressione al loro talento e alla loro capacità creativa in campo letterario.

Questa domenica, alle 12.00, in concomitanza con i festeggiamenti per Noale in Fiore, ci sarà la premiazione della nona edizione del concorso e la presentazione ufficiale del bando della decima edizione. Un’edizione che sarà dedicata a “Racconti di parità” e che vede, in via eccezionale, la possibilità di partecipazione e di parola anche degli uomini.

Gli scritti sono stati letti e valutati da una giuria d’eccezione presieduta dal giornalista Edoardo Pittalis e composta da Michela Manente, Vera Horn e Lara Sabbadin.

parola

 “Agli inizi non si immaginava il successo che il concorso avrebbe ottenuto – commenta la Delegata alle Pari Opportunità della Città di Noale avv. Annamaria Tosatto – oggi invece il Concorso è ormai un evento che annualmente si inserisce di diritto tra gli eventi più attesi della primavera Noalese”

Parola alle donne: l’importanza di fare rete

“Questa nona edizione- continua Tosatto- nasce da un’analisi del termine “sorellanza”: un’idea, una fonte di ispirazione, perché lungi dal rimanere una semplice etichetta, è un termine che come il nostro concorso cerca di incoraggiare, rafforzare come gruppo e visualizzare le donne nei loro contesti quotidiani per ottenere un cambiamento positivo. Le nostre Partecipanti  hanno raccolto il nostro invito e ci hanno raccontato con convinzione  di  “Donne che aiutano le donne” : nel mondo del lavoro, in famiglia, nel rapporto con i figli o con l’uomo, compagno di vita. Ne è emerso uno spaccato di Donne che sono, innanzitutto, amiche fra di loro. Tutto ciò ci ha riempito il cuore di speranza perché – come abbiamo ricordato all’inizio – la sorellanza è un patto sociale, etico ed emotivo, costruito tra donne e per le donne.”.

parola

Sottolinea il Sindaco Patrizia Andreotti: “Non bisogna solo rivendicare l’empowerment -sottolinea la sindaca di Noale Patrizia Andreotti- bisogna praticarlo in prima persona e le donne sono le protagoniste di questo cambiamento, possibile se sapranno fare rete, in primis tra loro”.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close