Cultura e spettacolo

Quarto d’Altino: ll mondo del vino aiuta la cultura

“Siamo pronti a fare la nostra parte per rilanciare il Museo archeologico di Altino, ne ho già parlato con i soci sandonatesi e ho constatato molta disponibilità sul progetto”. Un “colosso” del vino in soccorso al Museo di Altino, grazie ad Angelo Bergamo direttore di Cantine Ermes. Una realtà che vanta otto stabilimenti in Italia, dei quali sette in Sicilia e uno a Mansuè (Treviso) con 200 soci conferitori. Cantine Ermes ha da sempre attenzione per la cultura.

“In Sicilia con “Fondazione Orestiadi” abbiamo portato avanti importanti progetti di rilancio dell’arte e della cultura”, spiega, “Altino è un sito archeologico di rilevanza internazionale con una posizione strategica vicino a Venezia e all’aeroporto di Tessera”. Bergamo lavorerà con altri soggetti.

Tra questi, Valerio Nadal presidente del Consorzio TVB (Il consorzio che raggruppa oltre 10 mila imprese agricole delle provincie di Treviso, Vicenza e Belluno) sta coinvolgendo produttori delle bollicine, del Sandonetese-Portogruarese, per rilanciare uno dei Musei più importanti a livello internazionale. “Da sempre crediamo nella cultura e allo stesso tempo all’importanza del turismo”, aggiunge, “oggi più che mai fondamentale per la nostra economia”.

G.Ca

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close