Cultura e spettacolo

Tra Vaia, Europa e Dazi

Un grande successo quello di giovedì 24 ottobre per il celebre programma Insieme Idee e Persone, diretto da Vincenzo Lovino. In seguito alle vicende della tempesta Vaia degli ultimi giorni. Con gli ospiti si è parlato anche di Europa e dazi.

Gli ospiti della trasmissione

Hanno partecipato Massimo Bortoluzzi, Consigliere Provinciale di Belluno; Renato Bobo Miatello, sindaco di San Giorgio in Bosco per la Lega; Rossano Moracci, consigliere comunale di Albignasego per FDI; Enrico Pizzolo, presidente Confagricoltura Vicenza; Andrea Cecchellero, sindaco di Posina per la Lega e Enrico Testa, consigliere comunale di Vigodarzere per M5S.

Il punto della situazione a Vaia

Raccontare le testimonianze fu una prerogativa della trasmissione in quei giorni, e ad un anno di distanza molto si è fatto per riparare ai danni di quella tempesta. Bortoluzzi ha ribadito l’importanza e la portata degli sforzi compiuti in quei giorni dal centro operativo, dalle forze dell’ordine e dai cittadini stessi per risollevarsi all’indomani del disastro di Vaia. Ha poi riportato come sia molto più semplice intervenire con i privati che con lo stato. Nonchè il problema di una burocrazia statale così lenta da rendere estremamente difficile la progressione dei lavori di rimozione dei detriti. Sottolineando che su Vaia l’autonomia del Veneto permetterebbe di bypassare tutta questa ingombrante massa burocratica nonché snellire il processo.

Il Cambiamento del M5S

Si è poi parlato del cambiamento di immagine, veritiero o percepito, del M5S nei confronti dell’Europa agli occhi del pubblico. Secondo Enrico Testa colpa dei giornali che, non sapendo collocare precisamente i pentastellati, finiscono per dipingerli ieri come filo-fascisti nonchè oggi come filo-comunisti. Per Testa comunque gli obiettivi in Europa sono rimasti quelli. Quindi, a prescindere da ciò che i giornali possano raccontare o dalle alleanze strette al governo. Evitare le invasioni di prodotti in Europa che potrebbero risultare dannosi per la salute dei consumatori.

Attenzione ai dazi

Mette in guarda Enrico Pizzolo. Perché se è vero che noi dobbiamo tutelare il made in Italy, bisogna ricordarsi che tutti i nostri prodotti non possono essere consumati qui in Italia. Quindi vanno necessariamente esportati. Naturalmente, ogni dazio chiama altri dazi. Nonché tassare le merci esterne per favorire il consumo del made in Italy potrebbe risultare un ritorno di fiamma capace di arenare l’esportazione.

Insieme Idee e Persone quindi torna come sempre venerdì alle 21.00 sul canale 154 di Canale Italia.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close