Economia e Politica

14 milioni per la sicurezza idraulica del fiume Tagliamento

Importanti novità che riguardano la sicurezza idraulica del territorio
 Sanmichelino. Sono in corso in questi giorni alcuni interventi che riguardano 28 terebrazioni sugli oltre 40 chilometri dell’argine del fiume Tagliamento da Villanova della Cartera, al confine con il Friuli, fino alla foce. Il tutto per un costo di 14 milioni

14 milioni per le terebrazioni

In pratica attraverso le terebrazioni che raggiungono i 20 metri di profondità si andrà a capire la composizione geotecnica dei terreni che costituiscono il corpo arginale e a misurarne la consistenza. I dati verranno poi elaborati dall’Università di Padova e serviranno a decidere quali opere di difesa idraulica saranno da realizzarsi per rinforzare tali corpi arginali: quali ad esempio palancolature, roccia.

La pericolosità del Tagliamento

Non è irrilevante ricordare che il Tagliamento, in particolare quando è in piena, risulta essere un fiume pensile ovvero le cui acque scorrono all’altezza dei tetti delle case poste al di là dell’argine e che quindi un eventuale sfondamento della difesa arginale provocherebbe danni incalcolabili alle persone e alle cose.

Il commento del Sindaco

Il sindaco Pasqualino Codognotto così commenta gli attuali interventi: “Auspichiamo sia il primo passo per arrivare alla reale soluzione di un problema che ci trasciniamo dal 1965. Ovvero dalla prima alluvione che poi si è ripetuta con maggiore disastroso vigore nel novembre 1966. E che tanti danni hanno causato. Con i cambiamenti climatici le piene sono purtroppo diventate una costante. Tanto che l’ultima di soli pochi mesi fa ha messo seriamente a rischio questo territorio”.

14 milioni per i fatti

Nei fatti: se i fattori quali forte vento di scirocco e alta marea fossero coincisi per ancora qualche ora nel mentre la piena stava drammaticamente arrivando gli argini probabilmente non avrebbero trattenuto l’acqua entro l’alveo con conseguenze devastanti. Ricordo che
 questo fiume venne definito non a caso “rapace” (rapax) dagli antichi romani. Per la velocità e l’irruenza con cui si avventa sui nostri territori”.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close