Economia e Politica

Bibione estate 2021, sicurezza: attive 25 telecamere

Sono già 25 gli occhi elettronici che vigileranno sui furti e i danni al
 patrimonio privato e pubblico a Bibione per l’estate 2021 oltre agli altri 60
 che da anni “osservano” prettamente i luoghi pubblici. Sta riscuotendo
 consensi da parte di imprenditori e commercianti del territorio sanmichelino il progetto di videosorveglianza partecipata portato a termine grazie alla collaborazione pubblico-privato e lavoro sinergico fra le istituzioni che vede protagonisti l’amministrazione comunale di San Michele al T./Bibione, l’amministrazione comunale di Venezia e la Questura veneziana. E in questi giorni sono arrivate altre richieste per installare le telecamere.

Il sindaco

Soddisfazione è stata espressa dal sindaco Pasqualino Codognotto: “E’
 giusto ribadire che una volta che il privato ha acquistato la telecamera cede poi le immagini all’ente pubblico dove c’è un addetto che le esamina per eventualmente fornire ogni utile informazione visiva per catturare il
 potenziale ladro di turno o il vandalo che arreca danni agli immobili”.

La sicurezza

Codognotto ha proseguito: “ Siamo soddisfatti delle ulteriori 25 telecamere che saranno azionate comprese quelle di Bibione spiaggia. E’ nostro obiettivo continuare su questa strada e quando  il sistema prenderà il via molti altri chiederanno di aderire alla convenzione. Pur in un periodo di pandemia avere adesioni corrispondenti a 25 occhi attivi significa che il progetto è molto gradito. La spiaggia ne avrà di più e non sarà violata la privacy delle persone perché solo il pubblico ufficiale è autorizzato a prendere visione delle immagini”. La convenzione era stata presentata nel gennaio scorso nella sede della delegazione comunale di Bibione con presenti anche i rappresentanti di tutte le categorie economiche, rimasti favorevolmente colpiti anche dalla tecnologia applicata. La località turistica di Bibione che in tempi normali arriva a circa sei milioni di presenze in un anno è tra la prime nel Veneto a “sposare” un progetto innovativo che va in una logica di efficace collaborazione istituzionale, al fine di conseguire obiettivi di maggiore tutela del territorio e di rafforzamento della sicurezza urbana.

La prevenzione

Codognotto si è soffermato sull’importanza della prevenzione. “Nasce dall’esigenza di tutelare sempre di più le persone e i loro beni, specie quando in città nel periodo estivo si muovono oltre 150mila persone al giorno. Il comandante Cremasco ha operato con professionalità sia con il Comune di Venezia, che con la Prefettura e la Questura. Se vogliamo questo è un progetto che può definirsi pioneristico per ampiezza e tecnologia applicata ma è la strategia necessaria per continuare a garantire sempre migliori condizioni di sicurezza.”

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close