Economia e Politica

Bitonci sbotta e invita la Comi ad andare a Masterchef

Ce la mette tutta a calarsi nel ruolo flemmatico del sottosegretario all’Economia, Massimo Bitonci. E quando snocciola le cifre del decreto fiscale, che ha materialmente redatto, non sfigura. Ma se qualcuno lo contraddice o peggio, interrompe il suo monologo, il padovano si imbizzarrisce e reagisce scalciando. E’ successo a Omnibus, il talk show d’attualità su LA7, dove l’esponente leghista – incalzato a più riprese da Lara Comi sull’Alta Velocità («Ci dica una volta per tutte se si fa o non si fa») invita l’europarlamentare di Forza Italia a mollare la politica per dedicarsi ai fornelli: «Visto che le piace tanto sostituirsi alla giornalista in studio e sparare domande, la proporremo a LA7 per condurre un programma di cucina», la frecciata in diretta.

Sguardi esterrefatti degli ospiti – Antonio Di Pietro, gli editorialisti Goffredo Buccini e Giuliano Zuin, il virologo Roberto Burioni – con la Comi lesta a reagire: «Lei è un arrogante e un maleducato» mentre la conduttrice – quella vera, Gaia Tortora, figliola del compianto Enzo – censura i toni e invoca il galateo: «Suvvia onorevole, si tratta di un’alleata e di una signora… ». Appello vano. Il battibecco prosegue e il Massimo di Cittadella non trattiene l’insofferenza verso gli “alleati” azzurri, rei a suo tempo, en passant, di averlo spodestato dalla poltrona di sindaco: «La nostra manovra destina 10 miliardi in cinque anni ai ceti popolari ma dei piccoli e dei poveri a voi non frega niente, perciò non vi rispondo».

La battuta bitonciana diventa virale sui social e dal partito di Berlusconi fioccano le accuse di sessismo: «Davvero sgradevoli le sue parole, un atteggiamento insultante per tutte le donne, aspettiamo le sue scuse. Tutta la solidarietà dei deputati di Forza Italia all’amica Lara», twitta Mariastella Gelmini, la capogruppo alla Camera che inaugura la levata di scudi delle azzurre.

 

 

«Quando FI era al 25%, la Lega al 4% e Bitonci era a caccia di consensi per diventare sindaco di Padova, i nostri i voti non gli facevano schifo», punge Katia Polidori «le sue parole vergognose e l’atteggiamento sessista sono indegni di un rappresentante delle istituzioni. Come si permette di dire ad una donna, di qualunque partito, di dedicarsi alla cucina?! Si vergogni e vada piuttosto lui a pulire gli studi di Masterchef».

 

Un auspicio condiviso da Mara Carfagna: «Speriamo che Bitonci sia migliore ai fornelli che in politica, così, quando resterà lui a casa a cucinare, sarà Lara Comi a governare e finalmente la Tav si farà».Interpellato in serata, il Massimo di Cittadella nega ogni volontà misogina: «Macché sessista, tratto le donne esattamente come tratto gli uomini, avrei dato l’identica risposta a chiunque dopo un’ora di attacchi palesemente infondati, tipici di chi non ha letto il testo della manovra».

Di scuse neanche l’ombra, in compenso arrivano le bordate al curaro degli ex leghisti trasmigrati in azzurro e divenuti acerrimi nemici: «Il suo imbarazzo e la reazione sprezzante di fronte ad una semplice domanda rivela il disagio di questo governo fallimentare di fronte a temi fondamentali per il Paese come le grandi opere», affonda Renato Caon. «Ogni tanto non riesce a nascondere la sua vera indole… », chiosa su Fb Maurizio Conte.

per chi volesse vedere il video per gentile concessione di La7

http://www.la7.it/omnibus/video/comi-fi-contro-bitonci-lega-lei-un-arrogante-e-maleducato-non-risponde-alle-domande-17-10-2018-253079

M.N.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close