Economia e Politica

BONUS . Lorenzoni: vogliamo sapere se il cerchio magico di Zaia ha preso anche i 600 euro di aprile e chiesto i 1.000 di agosto

Riceviamo e pubblichiamo. Ma anche secondo Zaia è colpa dei commercialisti? I tre leghisti, del cerchio magico di Zaia, pizzicati ad aver richiesto e ricevuto il bonus di 600 euro dello Stato destinato ai lavoratori e alle persone rimaste prive di sostegno durante il lockdown sono una vergogna. Con il loro comportamento dato uno schiaffo a tutti i Veneti. Sono gli stessi politici che durante la crisi più nera hanno abbaiato sguaiatamente contro il governo perché non faceva abbastanza per sostenere le persone in difficoltà.

Questo è il risultato: il governo italiano guidato dal centrosinistra ha messo 100 miliardi di euro per imprese, partite Iva, per gli albergatori e per i lavoratori pubblici e privati; la Regione Veneto ha messo la miseria di 42 milioni di euro e ha fatto arrivare in gravissimo ritardo gli assegni di cassa integrazione in deroga.

E i signori Gianluca Forcolin, Riccardo Barbisan e Alessandro Montagnoli, tra i più stretti collaboratori di Zaia e nonostante indennità annuali complessive per quasi 100 mila euro a testa, si sono permessi di sottrarre il bonus di 600 euro a chi davvero ne aveva bisogno. Adesso vogliamo sapere se hanno ricevuto il bonus di aprile oltre a quello di marzo e se tenteranno di prendere i 1.000 euro previsti anche dal decreto di agosto. E non è possibile che anche in questo caso il presidente del Veneto non sappia nulla o faccia finta di nulla, come quando gli hanno arrestato un assessore, come per il Mose, per i Pfas e in qualsiasi occasione la Regione e la giunta venissero chiamate alle proprie responsabilità.

Arturo LorenzoniCandidato presidente del centrosinistra

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close