Economia e Politica

Cervelli che non fuggono

Cervelli da tenere in Veneto. Giovani ricercatori, laureati, con una grande capacità di innovare ma che spesso, a causa delle poche possibilità che trovano in Italia, fuggono. E se ne vanno all’estero, lasciando il paese che li ha formati per far crescere aziende estere.

La Regione Veneto sta cercando di invertire la rotta, attraverso bandi e finanziamenti che supportino economicamente le aziende che assumono ricercatori. L’ultimo bano, da 4.5 miloni di euro, ha incassato 144 domande di finanziamento. Sintomo che, se supportate, le aziende venete sono pronte a puntare sui nostri cervelli.

“ Le aziende venete vogliono innovare e puntano a farlo investendo sui nostri giovani talenti. E la Regione dà tutte le opportunità perché i cervelli non fuggano da nessuna parte ma rimangano in Veneto.” Così l’assessore allo sviluppo economico Roberto Marcato ha infatti commentato con soddisfazione l’esito del bando  “Sostegno a progetti di ricerca delle imprese per l’impiego di ricercatori presso le imprese stesse” che stanziava 4,5 milioni di euro e, alla scadenza, ha visto la presentazione di 144 domande con una richiesta di contributo superiore a quanto previsto.

“È una risposta straordinaria – ha continuato Marcato –  da un lato significa che come Regione siamo riusciti a rispondere ad un’esigenza di giovani e mondo imprenditoriale, dall’altra si tratta di una risposta a coloro che sostengono che il Veneto è terra di cervelli in fuga..”

Cervelli giovani per aziende che vogliono innovare

Il bando intende incentivare la ricerca e lo sviluppo all’interno delle aziende, favorendo l’inserimento di nuovi profili tecnico scientifici di alta professionalità i quali contribuiranno all’innovazione di nuovi prodotti o processi, apportando nuove conoscenze e competenze. Si tratta del terzo bando su questa linea di azione per la quale sono disponibili circa 4 milioni di euro per ulteriori iniziative. 

exozero1_agenzia_di_comunicazione

“Ogni progetto presentato poteva prevedere l’impiego da uno a tre ricercatori – ha precisato Marcato – ciò significa che sono state presentate iniziative di ricerca e sviluppo per assumere almeno 200 ricercatori nelle PMI venete. Investire in ricerca ed innovazione ha un costo importante per le imprese ma è fondamentale per la crescita.”

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close