Economia e Politica

Condizionatori e richiesta controlli

Arriva l’estate e gli ordini e le richieste di controllo per i condizionatori sono aumentate con picchi del 300%, in queste ultime settimane, rispetto all’anno precedente. A spiegare la situazione a cui devono far fronte gli impiantisti della Riviera del Brenta sono Giorgio Chinellato e Andrea Bernardi. Rispettivamente Segretario e Vicepresidente e capo categoria impiantisti dell’associazione Artigiani Piccola e Media Impresa “Città Riviera del Brenta”. La necessità di sanificare gli impianti e metterli in sicurezza, diventa prioritario. Soprattutto per il comparto dei locali pubblici o aperti al pubblico.

Giorgio Chinellato

Messa in sicurezza condizionatori è essenziale

“In questo particolare periodo legato – spiegano Bernardi e Chinellato- all’emergenza sanitaria del corona virus, la messa in sicurezza e la sanificazione degli impianti di condizionamento è essenziale. Gli impianti da mettere in sicurezza sono sostanzialmente di due tipi: quello legato
alle utenze private e quelli di locali ad accesso pubblico (uffici, esercizi commerciali, studi privati, ecec) ”. Nella maggioranza dei casi  per i privati, è importante sanificare l’impianto cambiando i filtri. O igienizzandoli prima di riaccendere il condizionatore per il gran caldo in arrivo. Per quando riguarda invece i locali ad accesso pubblico le cose cambiano.

Grandi impianti, cambiare i filtri di aerazione ogni due-tre mesi

Andrea Bernardi

“E’ sconsigliato dalle disposizioni di contrasto del coronavirus avere un impianto a riciclo dell’aria interna – sottolinea Bernardi -. In quanto questo potrebbe diventare veicolo di propagazione del contagio. Dai controlli e verifiche fatte in queste ultime settimane nel comprensorio della Riviera del Brenta abbiamo constatato che il 50 % dei locali ad accesso pubblico della zona di fatto non è in sicurezza. Aprire le finestre del locale se si ha un impianti a riciclo interno non è garanzia di completa sicurezza”. Un consiglio che gli impiantisti della Riviera danno a chi gestisce locali ad accesso pubblico, è quella di cambiare frequentemente. Cioè ogni due-tre mesi cambiare i filtri di aerazione, piuttosto che cambiare completamente grossi impianti del valore anche di decine di migliaia di euro.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close