Economia e Politica

Falso dire che non arrivano soldi

Riceviamo e pubblichiamo. Premessa: la pandemia non è stata l’invenzione di un governo cattivo, ma è tutt’ora una tragedia che sta colpendo il mondo intero. Alcuni paesi ne hanno gestito le conseguenze con più “libertà” (più volte auspicata in Italia dai nostri cosiddetti “sovranisti”) come ad esempio: Gran Bretagna, Stati Uniti, Brasile, Svezia. Oggi questi paesi sono ai primi posti nel mondo come decessi e contagiati. Altri hanno fatto scelte come l’Italia, anzi “copiando” l’Italia. La pandemia è stata più volte confrontata e paragonata ad un evento bellico, una guerra con tragedie umane, familiari e a seguire economiche. Quindi parliamo di soldi

Lo Stato c’è. I soldi pure

Spesso sentiamo amministratori locali, politici nazionali e illustri opinionisti affermare che lo Stato non “sta facendo nulla”. Dati alla mano ufficiali e non smentibili dimostrano invece il contrario! Lo Stato sta facendo eccome, lo dimostrano i numeri semplicemente letti così come riportato nel sito ufficiale https://finanzalocale.interno.gov.it/apps/floc.php/in/cod/7 che specifica tutti i finanziamenti, anche a fondo perduto, versati a ogni comune italiano. Lo dimostrano anche altri contributi riguardanti le P.I., la cassa integrazione, i ristori a fondo perduto per le aziende, i contributi per gli affitti commerciali. La discussione quindi ha senso e peso, a mio parere, se invece si passa a osservare il “valore” di questi numeri e i tempi di risposta dell’apparato burocratico alle decisioni governative.

La questione soldi

In parole semplici: i soldi sono arrivati, spesso in ritardo rispetto alle aspettative e sono pochi! Su questo tema il dibattito è apertissimo e lo trovo più che opportuno! Perché la situazione economica è molto grave per molte famiglie, per molti lavoratori, per molte piccole, medie e grandi aziende. Ci vorrebbero più soldi? Si! Lo penso anch’io. E perché non ne arrivano di più? (anche se il governo comunque ha scritto e detto che altri ne verranno stanziati): scrivo la mia opinione che è ben diversa da quella espressa da chi è capace di fare solo l’elenco dei problemi senza proporre soluzioni.

La mia opinione sui soldi

Escludendo la possibilità che non stanno arrivando milionate di Euro a tutti noi semplicemente per un malsano divertimento del governo che vuole impoverire tutti gli italiani (ho sentito anche questa “idea” da qualche tifoso dell’opposizione governativa), io credo che non arrivi denaro nella misura risolutiva semplicemente perché l’Italia non “gravitava” in boom economico prima del Covid e men che meno ci gravita oggi. L’Italia era stracolma di debiti prima del Covid e quindi, a maggior ragione, lo è ancor di più oggi! L’Italia negli ultimi anni/decenni ha sempre avuto difficoltà a “disegnare” una manovra economica che prevedesse vantaggi fiscali ai cittadini, servizi migliori e nel contempo garantisse il pareggio di bilancio (diventato “costituzionale”) e i vincoli europei.

Le tempistiche per i soldi

Sulla tempistica e i ritardi delle erogazioni, si possono fare le stesse analisi. Con la dovuta premessa che il numero di operazioni che, ad esempio l’Inps, ha dovuto eseguire in un mese è pari a quello che di solito soddisfa in anni interi,  vi è da affermare senza dubbio alcuno che la burocrazia italiana costruita e non risolta negli anni, ha sicuramente contribuito a lentezze ingiustificabili.

Ma tutto questo perché?

Perché i governi succedutisi hanno fatto disastri inenarrabili! Mangiatoie vergognose, opere pubbliche che sono costate 10/20 volte di più del preventivato, tempi per realizzarle biblici, sprechi osceni, incapacità governativa diventata proverbiale. Il M5S nasce non tanti anni fa proprio come risposta a queste incapacità. Un movimento, senza ideologie identificabili storicamente, ottiene la maggioranza in parlamento proprio perché vi è stata negli anni la più oscena impreparazione e incapacità che ha portato l’Italia ad essere fanalino di cosa in tutte le analisi di crescita economica europea!

Chi governava l’Italia così male?

Anche qui credo sia indiscutibile la risposta! La governava chi oggi sa criticare, fare l’elenco dei problemi, soffiare sul malcontento (giusto) dei cittadini. Quindi in pratica: chi ha causato danni forse irreparabili (ma M5S nasce anche per cercare di risolverli) oggi vorrebbe spiegare “come si fa”! I cittadini saranno giudici inattaccabili, tramite il voto a fine legislatura, sull’operato dei M5S al governo. Ma un tentativo di risolvere problemi causati da altri andava e va fatto. Comprendendo, mi auguro, anche il fatto che in pochissimo tempo e con la collaborazione governativa “obbligata” di forze politiche che sono state causa del disastro, tutto diventa più difficile e più lento!

Flavio Pinton, candidato alle elezioni regionali per M5S

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close