Economia e Politica

Il Daspo a Puzzer non ci aiuta ad uscire dalla pandemia

Un banchetto, alcune sedie, un telefonino da usare come megafono virtuale per annunciare la propria presenza a Piazza del Popolo a Roma: tanto è bastato a Stefano Puzzer per ritrovarsi nel novero delle persone non desiderate e destinatarie di un foglio di via per un anno. Un Daspo, così come per personaggi alla Giuliano Castellino che proprio da Piazza del Popolo guidarono l’assalto alla Cgil poco meno di un mese fa nonostante secondo il provvedimento dell’autorità pubblica dovessero rimanere al proprio domicilio. 

La denuncia

Sarà quindi denunciato per manifestazione non preavvisata, ma Puzzer non è Castellino. Non si è macchiato di episodi criminosi: la sua colpa non aver comunicato il preavviso della manifestazione all’autorità competente, cioè al Questore. Non sono venuti né Capi di Stato né primi ministri, ma un centinaio di comuni cittadini che si sono stretti intorno a lui: abbracci, pacche sulle spalle e viveri per una protesta pacifica terminata nel pomeriggio con l’intervento della forza pubblica. Ai sensi della legge Puzzer rischiava l’arresto fino a sei mesi oltre un’ammenda. Per lui invece il Questore ha previsto il foglio di via che presuppone una accertata “pericolosità sociale della persona e l’esistenza di indizi di reato a suo carico”. 

La dichiarazione di Puzzer

“Sono stato trattato con i guanti, erano proprio brave persone, gente che non c’entra con questo sistema, anzi” ha detto Puzzer dopo gli accertamenti preventivando nuove iniziative a Trieste. I “No greenpass” con i “no obbligo vaccinale” e “no ricatti sul lavoro” hanno organizzato una nuova manifestazione, per il 6 novembre. La protesta insomma andrà avanti.

Non inasprire i toni

Occorre quindi forse fermarsi un attimo e non inasprire un conflitto sociale anche perché la situazione è tutt’altro che semplice. Ieri il Prefetto di Trieste, Valerio Valenti ha pubblicato il decreto che vieta, fino a fine anno, lo svolgimento di manifestazioni in piazza Unità d’Italia (a meno che non siano funzioni religiose e eventi organizzati da enti pubblici). Altre città potrebbero seguire l’esempio.

Un po’ di storia dei vaccini

La storia ogni tanto aiuta a dare qualche risposta. I vaccini sono entrati nella storia umana poco più di due secoli fa e fin dagli albori hanno incontrato l’opposizione di alcuni settori della società per molteplici ragioni. Un caso di scuola è la reazione della popolazione inglese all’introduzione del vaccino contro il vaiolo a cavallo del Settecento e Ottocento: una stampa satirica dell’epoca raffigurava chi si sottoponeva all’inoculazione del vaccino bovino scoperto da Edward Jenner come uomini trasfigurati in vacche. Suggestioni placate dai risultati che eradicarono la malattia dall’occidente dopo l’introduzione dell’obbligo vaccinale.

Una presa di coscienza?

D’altronde il dato dei vaccinati è stabile da settimane: ci sarà sempre una quota di persone che in coscienza rifiuterà la vaccinazione. Al decisore politico spetterebbe il compito invece di trovare una diversa soluzione ad uno stato di emergenza che a due anni dall’inizio della pandemia ha – giuridicamente – perso la propria ragione di esistere. Andrebbe invece chiesto allo Stato di farsi carico delle proprie responsabilità. Se dovrà essere obbligo vaccinale, sia l’istituzione a garantire il rispetto del provvedimento senza scaricare ai cittadini l’onere di controllare un certificato che ha già dimostrato di essere troppo spesso aggirabile. 

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close