Economia e Politica

Lavoro, ristorazione e trasporti. Ecco le regole dal prossimo settembre

La prima tranche scattava ieri venerdì 6 agosto, con l’obbligo del Green pass per chi va in bar e ristoranti al chiuso, in palestre e piscine, cinema e teatri, stadi, parchi tematici, fiere e congressi. Dove si entra solo se vaccinati almeno con una dose, tamponati con esito negativo o guariti dal Covid. Le stesse condizioni che dal primo settembre e fino al 31 dicembre varranno anche per prendere un treno ad alta velocità o un Intercity, salire su un aereo, una nave o un traghetto, ad eccezione di quelli che collegano le isole minori.

Spostamenti

La prima tranche è scattata ieri, con l’obbligo del Green pass per chi va in bar e ristoranti al chiuso, in palestre e piscine, cinema e teatri, stadi, parchi tematici, fiere e congressi. Dove si entra solo se vaccinati almeno con una dose, tamponati con esito negativo o guariti dal Covid. Le stesse condizioni che dal primo settembre e fino al 31 dicembre varranno anche per prendere un treno ad alta velocità o un Intercity, salire su un aereo, una nave o un traghetto, ad eccezione di quelli che collegano le isole minori.

Lavoratori e sport

L’estate sarà invece senza obblighi per i lavoratori. Compresi quelli che lavorano in bar, ristoranti e nelle altre attività per le quali è richiesto a chi vi accede. Per ora si è deciso di soprassedere, ma se ne riparlerà a settembre. Intanto nel decreto spunta una norma “riempi-stadi”, che prevede “modalità di assegnazione dei posti alternative al distanziamento interpersonale di almeno un metro”. Un modo criptico per dire che potranno sedersi uno affianco all’altro vaccinati e conviventi. Musica per le orecchie di tifosi e club in cerca di pubblico.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close