Economia e Politica

Lavrov: “Sostegno a Ucraina culmine del percorso russofobo”

Sulla guerra Russia-Ucraina, Mosca non gradisce le posizioni dell’Occidente e accusa Usa e Ue di aver raggiunto il culmine del percorso russofobo. Ad affermarlo è il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov in occasione della conferenza Digital International Relations. “Il culmine di questo percorso russofobo – sono le parole di Lavrov riportate dall’agenzia Tass – è stato il sostegno incondizionato di Washington e Bruxelles al regime nazionalista radicale di Kiev, il nutrimento degli ultra-radicali in Ucraina e la creazione di un’anti-Russia fuori dall’Ucraina”.

L’accusa all’Occidente

Secondo Lavrov, l’Occidente, guidato dagli Stati Uniti, ora cerca di ripristinare e consolidare il suo dominio negli affari internazionali, “per continuare a risolvere il suo angusto interesse personale a spese degli interessi nazionali” di altri Paesi. “La parte più importante di questa linea aggressiva è la politica di lunga data dell’Occidente di contenimento globale e sistematico del nostro Paese. Su tutti i fronti, come si suol dire”. Per il ministro, per otto anni l’Occidente ha anche “protetto” la riluttanza di Kiev nel rispettare gli accordi di Minsk e ha spinto le autorità ucraine a risolvere con la forza la crisi nel Donbass.

Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close