Economia e Politica

Merkel si vaccina con Astrazeneca, Von Der Leyen preferisce Pfizer

La cancelliera Angela Merkel ha scelto di vaccinarsi con Astrazeneca. Stando a quanto rivelato da Die Welt, la leader tedesca riceverà il 16 aprile la prima dose del vaccino finito al centro delle polemiche prima per i ritardi nelle consegne in Ue, poi per i rari e sospetti casi di trombosi associati alla sua somministrazione. In Germania, l’utilizzo del farmaco della casa farmaceutica anglo-svedese è sospeso per la popolazione di età inferiore ai 60 anni. Merkel ha 67 anni, ma non sembra temere gli effetti collaterali. La cancelliera, semmai, sembre più preoccupata per il boom di contagi nel suo Paese e per le resistenze dei potenti governi regionali a misure più restrittive contro la pandemia.

La presidente della Commissione Ue

Intanto a Bruxelles, con qualche ora di anticipo rispetto alla sua concittadina ed ex capo nell’esecutivo federale, la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen ha ricevuto la prima dose del vaccino contro il Covid. A differenza di Merkel, a von der Leyen è stato somministrato il vaccino sviluppato dalla tedesca BioNTech e prodotto dall’americana Pfizer. Lo stesso su cui l’esecutivo Ue sta puntando con forza per recuperare i ritardi nella campagna di vaccinazione.

Von der Leyen e Astrazeneca

Von der Leyen, che è nata nel 1958 (quindi potenzialmente eligibile per ricevere il vaccino di Astrazeneca), è stata vaccinata a Bruxelles nel centro istituito all’interno della Commissione, in accordo con le autorità del Belgio, sede principale delle istituzioni Ue.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close