Economia e Politica

Pretto e Colla su mancato TFS alla famiglia Vanzan

Riceviamo e pubblichiamo.

Al Ministro della difesa, al Ministro del lavoro e delle politiche sociali – Per sapere – premesso che:

Matteo Vanzan

Matteo Vanzan, primo caporal maggiore dell’Esercito Italiano, è morto a 22 anni il 17 maggio del 2004 durante un combattimento a Nassiriya, in Iraq, nell’ambito dell’operazione “Antica Babilonia”; il soldato aveva svolto la leva obbligatoria nel Corpo dei Vigili del Fuoco e successivamente si era arruolato, come volontario in ferma breve, nell’Esercito – Reggimento dei Lagunari Serenissima – dove aveva maturato la decisione di essere volontariamente inviato a Nassiriya;

Il tfs non dato alla famiglia

i genitori di Matteo Vanzan hanno chiesto all’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale l’erogazione del Trattamento di fine servizio, che però è stato negato in ragione del fatto che il militare, volontario in ferma breve all’epoca del decesso, non potesse essere considerato titolare di un rapporto di impiego e non avesse perciò titolo all’erogazione del Tfs; la famiglia Vanzan si è rivolta al Tribunale Amministrativo Regionale, per chiedere la condanna dell’ente previdenziale al pagamento dell’emolumento, in base alla legge n. 206 del 3 agosto 2004. I giudici hanno però rilevato che il ricorso potrebbe risultare inammissibile per difetto di giurisdizione, in quanto la competenza sarebbe del Tribunale ordinario;

La Croce d’Onore

nel 2006 il Presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, ha conferito alla memoria del ragazzo la Croce d’Onore, riservata alle vittime degli atti di terrorismo o degli atti ostili impegnate in operazioni militari e civili all’estero;

Eroe di guerra

Matteo Vanzan è un eroe di guerra, che con coraggio ha dato la sua vita per la difesa del nostro Paese: la mancanza di un titolo d’impiego formale non dovrebbe fornire l’appiglio all’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale per negare alla famiglia il Trattamento di fine servizio -: se i Ministri in indirizzo, ciascuno per propria competenza, intenda adottare gli opportuni provvedimenti urgenti affinché la famiglia Vanzan possa ricevere un degno indennizzo al fine di rendere definitivamente onore al soldato che a 22 anni, nel 2004, perse la vita per la difesa della Patria e dei nostri concittadini.

On. Erik Umberto Pretto

On. Jari Colla

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close