Economia e Politica

Quasi 13 milioni per i Comuni di confine

Il ministero per gli Affari regionali ha pubblicato il bando del Fondo per la valorizzazione e la promozione delle aree territoriali svantaggiate confinanti con le regioni a statuto speciale per i progetti dell’anno 2021. Lo riferisce il deputato Roger De Menech, ricordando che il ministero ha definito le somme destinate a ciascuna delle due macroaree, Valle d’Aosta e Friuli-Venezia Giulia, il limite massimo di finanziamento ammissibile per ciascun comune, le modalità di presentazione delle richieste di finanziamento, le condizioni e le modalità di erogazione del Fondo, e il carattere pluriennale del finanziamento.

Disponibilità del fondo

Per il 2021 la disponibilità del Fondo risulta pari a 22.559.926,00 euro di cui il 57,5 per cento è destinato ai comuni confinanti con la Regione Friuli Venezia Giulia per un totale di 12.971.957,45 euro. Per i comuni inclusi nella macroarea Friuli-Venezia Giulia, il limite massimo finanziabile è pari a 463.284,00 euro, salvo che per il comune di Longarone, nato dalla fusione dei due comuni di confine di Longarone e Castellavazzo, per il quale il limite massimo finanziabile è pari a 926.568,00 euro.

I beneficiari

I comuni beneficiari possono richiedere il finanziamento anche per il secondo lotto di un intervento il cui primo lotto sia stato ammesso al finanziamento a valere sulle annualità 2018, 2019 e 2020 del Fondo. Nel caso di progetti di importo superiore rispetto a quanto disponibile per l’annualità 2021, i comuni possono suddividere l’intervento in due lotti indipendenti e presentare una prima domanda sulla base del bando 2021, e il secondo quando sarà pubblicato il bando per l’anno 2022.

Il caso Belluno

I comuni della provincia di Belluno che possono presentare le domande di finanziamento sono 12: Alpago, Chies d’Alpago, Domegge di Cadore, Longarone, Lorenzago, Ospitale di Cadore, Perarolo, Pieve di Cadore, Santo Stefano di Cadore, Soverzene, Tambre e Vigo di Cadore.

Treviso

In provincia di Treviso sono 8: Cordignano, Fergona, Gaiarine, Gorgo al Monticano, Mansuè, Meduna di Livenza, Portobuffolè e Sarmede.

Venezia

In provincia di Venezia sono 7: Annone Veneto, Cinto Caomaggiore, Fossalta di Portogruaro, Gruaro, Pramaggiore, San Michele al Tagliamento e Teglio Veneto.

Gli ambiti

Gli interventi finanziabili con le risorse del Fondo devono essere finalizzati ai seguenti ambiti:

interventi infrastrutturali relativi a valorizzazione e la salvaguardia dell’ambiente; ristrutturazioni e ricostruzioni edilizie (di edifici pubblici); risparmio energetico e l’uso delle energie; miglioramento della viabilità comunale e intercomunale; realizzazione di piste ciclabili, sentieri e parchi giochi.

Servizi: socio-sanitari; assistenza sociale; scolastici; trasporto; raccolta differenziata e di smaltimento rifiuti; diffusione dell’informatizzazione ed implementazione dei servizi di e-government; telecomunicazione; promozione del turismo, del settore primario, delle attività artigianali tradizionali e del commercio dei prodotti di prima necessità; sportello unico per le imprese e servizi di orientamento all’accesso ai fondi comunitari, nazionali, regionali, provinciali o comunali a sostegno delle iniziative imprenditoriali.

Il 50% alle infrastrutture

Tutti gli interventi, anche quelli finalizzati alla realizzazione e implementazione di servizi, devono prevedere la destinazione di almeno il 50 per cento del finanziamento alla realizzazione di infrastrutture.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close