Economia e Politica

Un altro passo barca da Bibione a Caorle centro

Collegamento via acqua Bibione-Caorle, il sindaco di San Michele al T./Bibione Pasqualino Codognotto rilancia. Visto il successo del traghetto Bibione Porto Baseleghe-Caorle Vallevecchia che anche quest’anno, nonostante lo stop causato dal Covid19, ha registrato la presenza di 6000 persone trasportate, il primo cittadino sanmichelino intende, in accordo con l’amministrazione comunale di Caorle, implementare questo servizio a favore di quei turisti e dei bikers che amano addentrarsi per ammirare le bellezze del territorio.   

I due comuni

I due Comuni balneari che da anni stanno portando avanti la formula vincente dello “Slow tourism” ne hanno parlato in video conferenza. Codognotto ha riformulato la proposta con il vice sindaco Comisso per organizzarsi con un’imbarcazione che potrà trasportare anche fino a 30 passeggeri per approdare anche a Caorle. Codognotto ha spiegato: “La stragrande maggioranza dei turisti chiede di arrivare a Caorle e visitare anche la parte storica della città. Attualmente la barca a disposizione acquistata grazie al progetto europeo Interbike può trasportare al massimo sette persone con le bici al seguito. Potremmo organizzare un servizio attrezzatissimo, attraversare le meravigliose lagune e arrivare a Caorle. Sarebbe importante provare a partire in via sperimentale nel 2021 e arrivare a collegare ancora di più le nostre città turistiche”.  

La soddisfazione di Codognotto

Codognotto ha proseguito: “Lo sviluppo del territorio rappresenta uno degli obiettivi strategici prioritari del nostro programma. Con l’avvio di questo nuovo traghetto seppur in via sperimentale, daremo completezza ai progetti che già qualificano il cicloturismo lungo il litorale. I già attivi collegamenti Marano-Lignano, Lignano-Bibione ed ora Bibione-Vallevecchia Brussa offrono al turista la possibilità di ammirare paesaggi di rara bellezza rendendo la vacanza un’esperienza di grande suggestione e certamente da ricordare”.

Caorle

In merito il vice sindaco di Caorle Giovanni Comisso è intervenuto sull’importanza del progetto: “Auspichiamo non ci siano ostacoli burocratici che possano determinare rallentamenti. Gli attracchi sono già a posto e ciò rappresenterebbe un ulteriore servizio per i turisti che andrebbero a fruire ancora di più di un territorio che può offrire bellezze ambientali ed artistiche”.   

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close