Economia e Politica

Un precedente che farà storia

Il TAR del Veneto, con la sentenza 358 del 22 aprile 2020, ha proclamato eletto alla carica di Sindaco di Breganze Manuel Xausa e alla carica di Consiglieri Comunali Silvia Covolo, Maria Teresa Faresin, Daniele Faresin, Ivan Dalla Valle, Matteo Farina, Massimo Stefani, Richard Sperotto, Marco Bon della Lista Rinnovamento per Breganze. Ricorrenti contro il Comune di Breganze e contro il Sindaco in carico Piera Campana della Lista Breganze Attiva, per l’annullamento del verbale di proclamazione degli eletti del 27.05.2019. Un precedente che farà storia.

Una decisione senza precedente

Con questa storica decisione, il Giudice amministrativo ha disposto il cambiamento di amministrazione comunale, in quanto, all’esito dell’attività di verificazione ordinata alla Prefettura di Vicenza in fase cautelare, sono state riconosciute nulle 56 schede, già ritenute valide in favore della lista Breganze Attiva, ancorché contenenti l’indicazione di nominativi di soggetti non partecipanti alla competizione elettorale e non figuranti tra i candidati di alcuna lista.

Storia e precedente

Tale espressione di voto, a vantaggio di persone menzionate nei volantini elettorali della suddetta lista come ipotetici Assessori esterni, è stata reputata segno di riconoscimento, anche in considerazione del numero elevato di schede riportanti l’indicazione dei medesimi nominativi. La più accreditata giurisprudenza amministrativa, tra cui figura un precedente del Tar del Veneto (sentenza n. 914 del 2018), è incline a ritenere valida la “dichiarazione di nullità della scheda riportante una preferenza in favore di persona non presente nelle liste, essendo…evidente l’intenzione dell’elettore di fare riconoscere il proprio voto”.

Il Consiglio di Stato

Peraltro, come affermato dal Consiglio di Stato con pronuncia 1285 del 2018, il numero elevato di schede riportanti le contestate indicazioni di voto può essere considerato indice dell’appartenenza ad un certo gruppo clientelare o a una determinata cordata elettorale.

Cosa cambia

In conseguenza dell’accoglimento del ricorso, Breganze avrà un nuovo Sindaco, sostenuto dalla Lega, e pronto a prendere in mano le redini del Comune a distanza di 11 mesi dalla competizione elettorale del maggio 2019.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close