Economia e Politica

Voto subito? Votiamo online

Non ci siamo mai sottratti al voto popolare e nel 2018 abbiamo avuto mandato dal popolo di cambiare questo Paese perseguendo quello che abbiamo scritto nel nostro programma. E lo portiamo avanti con chi ci sta. Abbiamo sempre fatto decidere ai nostri iscritti la linea da seguire. Zaia vuol riaprire tutto e andare a votare il prima possibile? Siamo pronti. Ma per la sicurezza di tutti i cittadini utilizziamo strumenti al passo con i tempi. La tecnologia oggi di permette di votare tramite il nostro stesso telefonino.

Voto e fase 2

Il governo sta introducendo la Fase 2,  la fase della riapertura graduale delle attività economiche, con la dovuta prudenza. In questo periodo emergenziale e di estremo sacrificio per le famiglie e i lavoratori abbiamo saputo adattare alcune nostre abitudini per sentire meno il disagio del distacco sociale. Abbiamo (in certo senso) scoperto che possiamo lavorare, studiare ed effettuare riunioni anche a distanza, ed in modo più efficiente. Certo, niente è in grado di sostituire l’empatia e la comunicazione non verbale di una conversazione “a tu per tu”, ma sicuramente riguardo alcuni aspetti della vita quotidiana non torneremo più indietro.

La nascita

Il Movimento 5 Stelle è nato in rete e continua ad aumentare il suo bacino di iscritti tramite il suo sistema operativo Rousseau; un sistema da sempre ridicolizzato dalle altre forze politiche ma che ha permesso agli attivisti di trovare informazioni utili, costruire la nostra visione politica, votare i nostri portavoce, scegliere su decisioni importanti che hanno cambiato il destino del paese. La politica può cambiare anche in questo, essere più trasparente e raggiungere il più ampio numero di persone possibili. Ci vuole un po’ di coraggio ma la strada è segnata. Siamo convinti che si possa far votare gli italiani alle prossime elezioni tramite una nuova applicazione. Le app fanno sempre più parte del nostro vivere quotidiano. Non ancora in modo esclusivo, ma utilizzando entrambi  i sistemi di votazione  (tradizionale e digitale).

Voto e svolta

Segnerebbe un evento epocale. Darebbe un segnale forte di innovazione e di ripartenza, offrendo una garanzia in più per la sicurezza di tutti.
La politica di solito è lenta, in ritardo di qualche decennio rispetto a ciò che accade nel mondo, all’economia e alla tecnologia. L’app infatti non servirebbe solo per effettuare votazioni online ma gestirebbe lo scambio di informazioni  e documenti in tempo reale con la pubblica amministrazione.

Voto e tecnologia

Se qualcuno pensa che ciò sia impossibile in realtà esiste già, si chiama “IO” ed è stata rilasciata circa 3 settimane fa;  per ora verrà utilizzata per le relazioni con i comuni, per le comunicazioni nazionali e come promemoria per la scadenza dei pagamenti,  ma potrebbe essere implementata con vari altri servizi, tra questi il sistema di voto. A proposito di ciò il M5S Veneto ha già chiesto formalmente al consiglio regionale di poter votare alle prossime elezioni attraverso il voto elettronico tramite telefono. Questo fa parte di una strategia più ampia che il Movimento porta avanti da quando è nato. È uno strumento di democrazia diretta, che insieme ai referendum consultivi e a quelli senza quorum, amplierà il ventaglio di scelte che potrà far tornare i cittadini al centro della scena politica.

Stefano Pedrollo, M5S

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close