Libri e Fumetti

Dampyr e il Re in Giallo

Si conclude la saga dei Grandi Antichi, e la lotta di Dampyr per salvare Kurjak, diviso a metà tra le forze del bene e del male. Mauro Boselli e Luca Rossi nell’albo Il Re in Giallo portano i lettori all’interno della città mistica di Carcosa, mettendo una volta per tutte Harlan a confronto con i demoni del multiverso. I quali hanno preso dalla loro parte una delle sue spalle più importanti. Per questo motivo, in supporto di Dampyr, è arrivato anche il padre Draka. La battaglia vedrà coinvolto anche lo scrittore Ambrose Bierce, personaggio realmente esistito, considerato il primo autore a raccontare la città di Carcosa. Bierce, scomparendo dal Messico, si ritroverà al servizio del Re in Giallo.

La saga

Mauro Boselli ha realizzato una saga lunga, che ha coinvolto tantissimi demoni e personaggi, trasportando Dampyr ed i suoi compagni, attraverso dimensioni e luoghi diversi. Non era certo semplice unire così tanti eventi e personaggi, sviluppando una narrazione capace di non confondere il lettore, mantenendo alta l’attenzione e la curiosità. Lo stesso Mauro Boselli ha definito questo tipo di storie “croce e delizia dei lettori e degli sceneggiatori”. Ed in effetti non è facile seguire il percorso di questo ciclo narrativo, ricordandone tutti i dettagli e le situazioni.

Dampyr e i Grandi Antichi

La saga dedicata ad i Grandi Antichi è sfociata nel fantasy puro, mettendo ancora una volta Dampyr a confronto con un genere nel quale il personaggio si è cimentato più volte. Ai lettori il compito di trovare tutte le citazioni. Da Lovecraft a  Robert W. Chambers. Per i più curiosi, Carcosa è una città immaginaria in Ambrose Bierce s’ racconto ” un abitante di Carcosa ” (1886). L’antica e misteriosa città è appena descritta e viene vista solo con il senno di poi (dopo la sua distruzione) da un personaggio che una volta viveva lì. Il suo nome potrebbe derivare dalla città medievale di Carcassonne, nel sud della Francia, il cui nome latino era “Carcaso”.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close