Lovin' Food

La prima puntata di Lovin’ Food

La prima puntata di Lovin’ Food si apre tra i vigneti a Cappelletta di Noale (Venezia). Con Vincenzo Lovino e accompagnati da Fabio Agostini, responsabile della Cantina Produttori di Noale, andiamo a conoscere le caratteristiche della vendemmia 2019.

La Cantina Produttori Noale è una cooperativa di vinicoltori fondata nel 1955 a Noale, in provincia di Venezia, con l’obiettivo di valorizzare la produzione del vino locale e del territorio veneto. E’ cresciuta nel corso degli anni e oggi conta 300 soci, che conferiscono circa 20mila quintali di uva prodotta in zona ogni anno.

“I soci conferiscono il prodotto in cantina – spiega Fabio Agostini, responsabile della Cantina produttori di Noale – noi lo lavoriamo, con la pigiatura e quindi la fermentazione, che è differenziata per metodi e durata tra uve bianche e rosse. I vini vanno poi imbottigliati e andranno in distribuzione tra gennaio e febbraio”.

Secondo le prime stime la vendemmia 2019 dovrebbe portare una buona qualità e una quantità superiore dell’anno scorso.

La Cantina Produttori Noale produce maggiormente vini rossi, principalmente Merlot e Cabernet, i più diffusi in zona. Ma non mancano i bianchi, che quest’anno sono aumentati grazie a nuovo conferimento della Glera (utilizzata anche per il prosecco) e all’apporto di nuovi soci. 

Essere socio della Cantina Produttori Noale significa maggiori controlli, monitoraggi costanti tra le vigne, interventi contro le malattie della vigna con consigli tecnici se necessario.

Poi l’incontro con Lino Tosatto, proprietario del vigneto che ci ospita, tra i filari di Merlot e qualcuno di Cabernet. Ha illustrato il lavoro fatto in vigna. “L’annata è stata difficile sotto l’aspetto climatico – commenta Tosatto – ma avremo ugualmente un vino buono. La qualità sarà buona, ci attendiamo un grado alcolico di 13,5 gradi”. 

La cantina Cantina Produttori Noale merita di essere scoperta per la qualità del suo vino a km zero, controllato dall’origine alla bottiglia e garantito in tutto il suo processo produttivo.

Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close