Lovin' Food

Prosecco: No a nuova glera

A dieci anni dal decreto ministeriale del 17 luglio 2009 che ha tutelato l’uso esclusivo del termine Prosecco separandolo dal nome della vite ossia glera, riservando all’area delle colline di Conegliano e Valdobbiadene e delle 5 province venete di Treviso, Venezia, Padova, Vicenza e Belluno (oltre alle 4 province friulane), i viticoltori del Veneto hanno conquistato il mercato mondiale. Un successo che si misura con gli oltre 600 milioni di bottiglie vendute oggi nel mondo. Più dello Champagne e rispetto ai 200 milioni di bottiglie della ‘vecchia’ Doc Conegliano Valdobbiadene e della Igt ‘di pianura’ di dieci anni fa.

Prosecco

 “Con l’operazione del 2009, che ha separato la denominazione del vino (Prosecco) da quello della varietà della vite (glera), abbiamo sottratto al resto del mondo l’uso del nome. E impedito che si piantino vigneti di Prosecco in altre regioni d’Italia e d’Europa. Ma il boom del Prosecco ora va accompagnato con qualche sforzo in più”. A lanciare l’avvertimento è stato il presidente della Regione Veneto. Davanti agli oltre mille produttori del mondo delle Doc e Dogc venete convenuti alla Fiera di Godega di Sant’Urbano . Nel corso del convegno inaugurale “Quali prospettive per il sistema Prosecco e Pinot grigio”.

Tutela e stop alla glera

La tutela del nome e del prodotto passa, secondo il governatore, per lo stop a nuove piantumazioni di glera. “Io non firmerò mai nessun decreto per autorizzare nuove superfici alla produzione di Prosecco. Casomai si potranno recuperare piantumazioni di glera preesistenti e di vecchia data”. Per la valorizzazione Unesco dei 9.700 ettari dell’area collinare tra Conegliano e Valdobbiadene ‘cuore’ dell’area Prosecco. E per un’agricoltura ‘a chimica zero’. “Non è vero che non si può coltivare senza glifosate e senza presidi. Non posso accettare che i produttori del Prosecco siano sul banco degli imputati. Produrre in modo sostenibile si può. Spetta ai Consorzi di tutela utilizzare bene gli strumenti giuridici della programmazione. Ossia riserva, stoccaggio o blocco agli incrementi di potenziale. Per governare l’offerta e tutelare il reddito dei viticoltori. Dove ci sono viticoltori non ci sono frane, sono loro il primo presidio del territorio”.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close