L'opinione di Vincenzo Lovino

Dating. La nuova frontiera delle chat? Non bastavano le mascherine!

“Simpatica con chi voglio io”, “sportiva festaiola e amante dei viaggi”, “nave senza nocchiero in gran tempesta”, “odio perdere tempo”, “sono la semplicità in persona”, “se son qui è pura curiosità, “ho una mentalità aperta ma non sopporto chi vota Lega o Fratelli d’Italia”, questo ed altro ancora le frasi ad effetto che sono presenti nei profili di Dating: il nuovo portale di incontri appena lanciato da Facebook. Voi vi chiederete ma come mai hai queste informazioni? Semplice mi sono iscritto per fare un’analisi “sociologica” sulle persone che si sono iscritte.

Cosa è emerso

L’analisi che è emersa è lo spaccato di una dimensione “sommersa” del nuovo modo di concepire l’approccio relazionale. Molte utenti per la maggior parte poi si lamentano del fatto che manca il corteggiamento tradizionale. Alla fine desiderato, ma di fatto annullato da questo periodo che stiamo vivendo. La pandemia di oltre un anno e mezzo ha di fatto annullato qualsiasi contesto relazionale. Assenza di contatti nel lavoro, diffidenza nei contatti umani, evitare il prossimo per strada cambiando marciapiede, il restare chiusi in casa per tanti weekend, hanno di fatto ucciso i contesti sociali e relazionali tradizionali a cui eravamo abituati.

La mia domanda

Infatti quando potremo riabbracciarci? Quando potremo di nuovo stringerci la mano? Quando potremo soffiare sulle candeline della torta del nostro compleanno? Purtroppo non ci è dato saperlo. Alcuni parlano a settembre, altri ottobre quando (forse) raggiungeremo l’immunità di gregge ma nessuno lo ha mai detto con certezza. Il dubbio resta.

È colpa del Governo?

I nostri governanti hanno cercato di annichilire le nostre personalità, limitando con la scusa della pandemia, certe relazioni che sono fondamentali per il nostro vivere. Ricordiamo inoltre che siamo mediterranei e quindi abituati a relazionarci in maniera diversa rispetto a tedeschi, inglesi e/o francesi.

La mia esperienza

Ma tant’è se devo giudicare dal numero delle signore che si sono proposte con foto più o meno ammiccanti nel nuovo servizio di Dating di Facebook , mi viene un po’ di tristezza. Perché siamo ridotti così? Come mai non riusciamo a relazionarci come una volta? La riflessione va fatta e Facebook, come altri social, non devono diventare un luogo di incontri e provocazioni.

Mi piacerebbe tornare alla normalità

Nel frattempo un po’ deluso sono già uscito dalla piattaforma e penso non ci tornerò. Mi piace reazionarmi con le persone e non cambierò idea perché il mondo si evolve “in peggio”. Viva le amicizie reali viva i corteggiamenti tradizionali.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close