"Si dice che ..."

… non bisogna arrendersi

Si dice che bisogna andare avanti, impegnarsi, andare oltre gli ostacoli, non bisogna arrendersi. Spesso questo è quello che ci si sente dire in un qualche momento di difficoltà.

Sono una sostenitrice di concetti come perseveranza, persistenza e resilienza. In fondo, sono anche una sostenitrice del lasciare andare le cose. Quelle cose che vanno mollate a terra e, a volte, fanno un gran rumore per il peso che hanno.

C’è un rischio molto forte nel non mollare mai ed è quello di andare avanti a prescindere.

E dove si sta andando?

Accade che, nell’andare avanti, si va avanti e basta. Si procede diritti, non ci si accorge del peso che si sta portando e si perde la direzione.

L’impegno, che qualche volta si accompagna a fatica, permette di raggiungere grandi traguardi. Ma è bene chiedersi se ne vale veramente la pena.

Quali sono i costi e quali sono i benefici?

Cosa accadrebbe se ci si arrendesse?

Se lo si chiede a qualcuno che sente più la fatica che l’impegno, la cosa che potrebbe accadere è che si veda un volto sollevato e si senta un respiro profondo, come l’essersi tolto un macigno di dosso.

Perché può accadere che gli impegni presi qualche tempo prima non siano più adeguati alla vita attuale. Può accadere che non ci sia un reale bilanciamento all’interno della propria vita. Può accadere che sia stata imboccata una strada sbagliata a un bivio che nemmeno si è visto, impegnati a mettere un piede davanti all’altro o ad aggirare un qualche ostacolo. Ma bisogna non arrendersi.

Non si vive solo di persistenza, perseveranza e resilienza. Si vive anche attraverso momenti di leggerezza, che spesso sono associati a momenti di felicità.

Perché se si fatica e ci si impegna lo si fa per qualcosa che rende felici o si pensa possa far ottenere la felicità. Ma se la strada è fatta di frequenti momenti infelici bisogna ricordare che essi possono costituire un segnale che rende evidente, a chiare lettere, che è opportuno prendere un’altra direzione, perché quella che si sta percorrendo sta portando dove non si vuole. Alla mente non è, poi, così evidente ma il cuore lo sa, perché, come è già stato detto, il cuore ha ragioni che la ragione non conosce. Nell’essere umano c’è spirito di finezza. E lo spirito di finezza sa discernere molto bene …


di Alessandra Marconato, Direttore Responsabile di 78PAGINE.www.78srl.it/78pagine

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close