Salute e Medicina

Caffè: benefici e rischi

Caposaldo della tradizione. Irrinunciabile a fine pasto.
Il caffè è parte integrate e fondamentale della nostra cultura culinaria.
La tazzina quando si finisce di mangiare è un rito tipicamente italiano, frutto di abitudini radicate.

Essendo diventato così importante all’interno della nostra “dieta”, sono moltissimi gli studi che si sono fatti sul caffè, evidenziandone benefici ma anche rischi.

I benefici del caffè

Il caffè così come tutti lo conosciamo nasce dalla torrefazione dei chicchi verdi, processo fondamentale per renderli commestibili e per dar loro il profilo aromatico e organolettico.

I principali benefici sono principalmente dovuti alla presenta della caffeina, composto chimico naturalmente presente in piante quali, appunto, caffè ma anche cacao, tè, bacche di guaranà e molte altre.

Le principali caratteristiche nutritive della caffeina sono:

  • L’effetto stimolatorio, grazie al quale si ritiene che se assunto a fine pasto aiuti la digestione;
  • energico, apprezzato soprattutto dalle persone sportive perché agisce sulle funzionalità cardiache e nervose;
  • tonico, probabilmente il beneficio più conosciuto, ossia quello di non far addormentare;
  • L’effetto anoressizzante, se assunto in grandi quantità diminuisce l’appetito;
  • lipolitico, stimola cioè la termogenesi e l’utilizzo dei grassi, aumentando le quantità di calorie bruciate e utilizzando i grassi a scopo energetico.

La caffeina, in sostanza, è un’alleata per la nostra salute oltre che per la nostra forma fisica.
Sono presenti ulteriori sostanze nel caffè in grado di garantire effetti antinfiammatori e antiossidanti ma esse non sono presenti in grandi quantità come la caffeina.

I rischi

Così come benefici, il caffè presenta anche dei rischi, soprattutto se assunto in grandi quantità.
I principali sono:

  • L’effetto stimolatorio, il suo consumo infatti aumenta la produzione di succhi gastrici ed è per questo sconsigliato a chi soffre di gastrite, ulcera e reflusso gastroesofageo;
  • tonico, l’effetto descritto sopra tra i benefici può risultare allo stesso tempo un rischio per chi soffre di ipertensione poiché porta a tachicardia e sbalzi della pressione;
  • L’effetto inibitorio, ossia può influire pesantemente sull’assorbimento di calcio e ferro, portando a favorire anemia e osteoporosi.

La dose da assumere consigliata è quella di tre espressi al giorno per le donne arrivando a 4 per gli uomini.
Sicuramente un limite per gli amanti della bevanda, ritenuta tra l’altro anche la “droga” più diffusa al mondo.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close