Salute e Medicina

Folli terapie anti-covid

Sono richieste vere. Ufficiali. Non uno scherzo. Tra queste, l’estratto di albero vietnamita, la polvere da sparo con il miele, i nutraceutici e la liquirizia. Sono, appunto, le richieste di sperimentazione per una terapia contro il coronavirus arrivate all’Aifa durante questi mesi di emergenza. «Richieste ovviamente respinte». Ha specificato Sandra Petraglia, dirigente Area pre-autorizzazione Aifa nel suo intervento al webinar “Emergenza Covid-19: comunicazione e informazione ai tempi del coronavirus tra infodemia e fake news”. Folli terapie senza senso. Spesso provenienti da “fantomatici siti asiatici”.

Petraglia e le folli terapie

L’esperta ha esaminato il lavoro dell’agenzia e le strategie messe in campo per velocizzare tutto il sistema di regolamentazione per vigilare sull’accesso alle terapie potenzialmente utili a contrastare la pandemia. Se da una parte c’è chi tenta vie molto alternative per trovare un’arma anti-Covid, la scienza si sta impegnando sul campo. «Sono circa 120 le domande di sperimentazioni arrivate – ha aggiunto Petraglia – e tra questi ci sono i farmaci già in sperimentazione. Antivirali, antibiotici, anti-infiammatori (colchicina). Nonché anticoagulanti, anticorpi monoclonali che agiscono sulla cascata citochinica caratteristica della polmonite. Quindi cellule mesenchimali stromali-adipose». 

La situazione ad oggi per Aifa

«Al 24 aprile sono 114 le sottomissioni valutate dall’Aifa, tra domande di autorizzazione e proposte di studi clinici. 26 sono stati i pareri favorevoli. Nonché 2 autorizzati prima del decreto Cura Italia». Ha ricordato l’esperta. Mentre sono stati 51 gli studi che hanno avuto quindi «un parere non favorevole».

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close