Salute e Medicina

Ivermectina contro l’infezione

Si amplia il ventaglio delle possibili terapie allo studio dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) contro l’infezione da Covid-19. Tra le ultime opzioni al vaglio dell’ente, ci sarà ora, secondo quanto si apprende, anche l’antiparassitario ivermectina. Intanto l’Agenzia è al lavoro per evitare carenze di farmaci utilizzati per il trattamento del Covid, come antimalarici e medicinali per le rianimazioni. L’ivermectina è un farmaco già disponibile sul mercato. E approvato dall’Ente statunitense per i farmaci Fda come antiparassitario contro la scabbia. Già utilizzato contro i virus Hiv, Zika, Dengue, West Nile e virus influenzali.

I primi dai su Ivermectina

Secondo primi dati pubblicati e sperimentazioni in corso in Australia, Ivermectina sarebbe in grado di bloccare rapidamente la carica virale del SarsCov2. Al momento vari sono gli studi in atto e autorizzati dall’Aifa. Su farmaci già in uso per altre patologie e dimostratisi potenzialmente efficaci contro il Covid-19. E’ il caso dell’anticorpo monoclonale usato per l’artrite reumatoide Tolicizumab o dell’antinfluenzale giapponese Avigan. In assenza al momento di farmaci specifici contro l’infezione da SarsCov2. Indicate dall’Organizzazione mondiale della sanità come maggiormente promettenti la combinazione di farmaci anti-Aids Lopinavir/Ritonavir. Ed il farmaco antivirale Remdesivir, sviluppato inizialmente per la malattia da virus Ebola e potenzialmente attivo contro il Covid-19.

Nuovi esperimenti

L’obiettivo è clonare gli anticorpi monoclonali da pazienti convalescenti partendo dal loro plasma per sviluppare una cura ed un futuro vaccino. L’approccio dell’ utilizzo del plasma di pazienti guariti è stato già messo in pratica in Cina con prime evidenze positive. Altra tipologia di farmaci utilizzata ‘off label’, ovvero fuori dall’indicazione originaria, è rappresentata da alcuni antimalarici. Che mostrano dati preliminari di potenziale attività antivirale. Inserito nella lista dei farmaci erogabili pure l’interferone beta 1-a con l’indicazione ‘Trattamento di supporto dei pazienti affetti da Covid-19’.

Ivermectina. Attenzione ai mix

In particolare, l’Aifa avverte come in questo momento si ritiene dunque opportuno non raccomandare l’associazione di idrossiclorochina e lopinavir/ ritonavir o darunavir/cobicistat (altra combinazione anti-Hiv) poichè «a fronte di evidenze ancora incerte di un miglioramento dell’efficacia a seguito della combinazione, i dati indicano un rischio di potenziamento degli effetti tossici». Intanto, L’Aifa sottolinea all’ANSA di essere al lavoro per evitare carenze di farmaci in questo periodo di emergenza e che attuerà iniziative mirate contro, in particolare, la carenza di antivirali come l’idrossiclorochina, utilizzata anche per il trattamento del Covid-19, ed i farmaci ospedalieri per le rianimazioni.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close