Salute e Medicina

Ok al Tolicizumab dall’Aifa

L’Aifa (Agenzia Italiana del Farmaco) ha approvato il protocollo della sperimentazione scientifica del Tolicizumab, Napoli e Modena saranno i capofila. Partiremo con priorità immediata in 10-15 giorni su 250 pazienti in Italia». Lo ha annunciato all’ANSA Vincenzo Montesarchio. Direttore della Uoc di Oncologia dell’Azienda Ospedaliera dei Colli di Napoli che sta lavorando insieme a Paolo Ascierto. Direttore dell’unità di immunologia clinica del Pascale, sull’effetto positivo del farmaco sulla polmonite indotta dal Coronavirus.

I primi risultati del Tolicizumab

Intanto si registrano netti miglioramenti per cinque dei dieci pazienti trattati al Cotugno di Napoli con il Tolicizumab. Buone notizie  anche per 8 pazienti su 11 trattati a Fano e Pesaro e 2 trattati a Padova. Continua dunque la sperimentazione dell’anticorpo monoclonale utilizzato per il trattamento dell’artrite reumatoide e che riesce ad essere efficace anche sulla polmonite interstiziale indotta dal coronavirus. 

I medici che seguono la sperimentazione

Il dottore Paolo Ascierto, direttore dell’unità di immunologia clinica del Pascale. E Vincenzo Montesarchio, oncologo dell’ospedale Cotugno di Napoli stanno seguendo direttamente i pazienti da sabato 7 marzo. 10 pazienti di cui 7 intubati e 3 con marcata insufficienza respiratoria in reparto. 

Ad oggi con il Tolicizumab

Dei 7 pazienti intubati, 3  hanno avuto un miglioramento importante. Ed il primo paziente trattato sabato scorso ha evidenziato segni di miglioramenti importanti alla TAC di controllo e si sta valutando la possibilità di estubarlo. Tra degli altri, 4 sono stazionari. E uno purtroppo è deceduto per progressione rapida del distress respiratorio dopo qualche ora dall’infusione del farmaco.Degli altri tre pazienti con marcata insufficienza respiratoria, non intubati, uno è già stazionario. Uno ha mostrato segnali di miglioramento clinico ed il terzo è migliorato sia clinicamente che nei parametri respiratori.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close