Salute e Medicina

Oms da smontare

«L’Oms dice che gli asintomatici non sono un problema per assolversi da tutti errori fatti prima. Oms è un baraccone che va smontato e rifatto da capo». Lo ha sostenuto Andrea Crisanti, direttore del dipartimento di medicina molecolare e virologia all’Università di Padova.

Crisanti contro Oms

«L’Oms è finanziato da industrie private – ha proseguito Crisanti – e da pochi Stati. Dovrebbe invece fare gli interessi di tutta la comunità mondiale. Abbiamo bisogno di una organizzazione diversa e indipendente. Trump ha fatto un errore a ritirare i finanziamenti perché l’ha resa così più vulnerabile a influenze esterne, invece l’Oms deve essere finanziata da Stati membri senza interferenze esterne».

Oms e i dati cinesi

Riguardo ai presunti ritardi sulle comunicazioni dalla Cina, Secondo Crisanti «è chiaro che i cinesi ci hanno somministrato solo la parte finale della curva, manca la parte esponenziale. La Cina ha mentito sull’inizio della pandemia, sul numero dei casi, sulla mortalità e sugli asintomatici. Una totale mancanza di trasparenza», ha concluso. Poi affronta la questione degli asintomatici: «Gli asintomatici sono pericolosi, in tutte le malattie infettive svolgono un ruolo cruciale nella biologia degli agenti patogeni per trasmettersi».

Le conclusioni di Crisanti

«Una persona che sta male – ha proseguito Crisanti – sta a letto; gli agenti patogeni sfruttano il nostro comportamento per trasmettersi, sono quindi selezionati positivamente quelli che hanno fase asintomatica, è una questione di genetica e selezione naturale», ha concluso. Sembra strano ma dall’altra parte del mondo, negli Stati Uniti, anche il presidente Donald Trump è della stessa opinione. E lui non è certo un professionista come Crisanti….

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close