Sport

Il Mestre si presenta

Sala comunale di Mestre piena per la presentazione del Calcio Mestre che, dopo le prime due uscite di coppa, si appresta a cominciare il campionato di Eccellenza con una squadra totalmente nuova ma competitiva con l’obiettivo di puntare in alto. Si giocherà al Baracca ma la prima di campionato, dopo le vicissitudini che hanno portato gli arancioneri dalla Lega Pro all’Eccellenza li vedrà riposare. Ieri, in sala consiliare presenti tutti i giocatori con in testa il nuovo mister Giampietro Zecchin con il suo vice Ivan Galante che guiderà anche gli Juniores.

Iniziata con leggere ritardo per permettere ai giocatori di completare l’allenamento i ragazzi e lo staff, insieme al presidente Stefano Serena sono stati accolti dalla vice sindaco Luciana Colle e dal presidente della municipalità Vincenzo Conte. Per la vice sindaco «la vera scommessa quest’anno è la messa al punto del Baracca e invito tutti i ragazzi a dare sempre il massimo a prescindere da come andrà a finire il campionato». Per Conte «è con gioia che ho accolto la volontà del Comune di essere padrino di questa presentazione con l’augurio che tenga alta l’attenzione per chi porta i colori arancioneri e non solo quelli di Venezia sperando di poter rivivere velocemente le emozioni che ci hanno portato tra i professionisti».

La parola è passata poi a Fabrizio Coniglio presidente del Panathlon Mestre che, dopo un ringraziamento a Serena, lo invita a continuare l’avventura con il Panathlon visto che il Mestre è stata la prima squadra a mettere il loro logo sulla maglia. A chiudere il presidente dell’Ascom Mestre, Dario Corradi che incita i giocatori: «Voi avete il peso di rappresentare un’intera città e uno stadio difeso dai tifosi e dai cittadini e rappresentate la dignità di tutta una cittadinanza. Per cui ricordatevi sempre che questa è una maglia pesante che va portata con rispetto e orgoglio». Dopo aver regalato quattro abbonamenti a Colle, Coniglio, Conte e Dario si è passati alla presentazione della rosa tra nuovi arrivi e ritorni e promozioni dalla Beretti dell’anno scorso.

Solo alla fine intervengono i protagonisti. Per primo Stefano Serena. «Non è  una ripartenza perché non siamo falliti ma un nuovo inizio e guardiamo al campionato con fiducia perché la squadra è  ben composta e mira in alto e ha il DNA arancionero con la voglia di vincere sempre. Grazie al nostro staff tecnico stiamo recuperando il gap di essere partiti con una settimana di ritardo e ben venga la giornata di riposo alla prima per darci il tempo di metterci alla pari e ultimare i lavori al manto erboso del Baracca. Ce la giocheremo, ne sono certo. Ringrazio anche il comune perché si è impegnato a sistemare il Baracca fino alla Lega Pro e per noi è una novità dal momento che ci abbiamo giocato solo tre partite in D e questo sarà un fattore importante».

Tocca poi all’allenatore. «Secondo me contro la Calvi abbiamo fatto tutto noi ma non siamo stati bravi a gestire quei 5’ dopo il vantaggio. C’è da migliorare ancora perché stiamo insieme da un mese e la settimana di riposo ci aiuterà a metterci alla pari con gli altri».

Soddisfatto anche Galante. «Avere Zecchin come primo allenatore è una cosa divertente e dopo solo un mese ho capito perché è stato tanti anni tra i pro e se i ragazzi seguiranno i suoi consigli sono certo che faremo un gran campionato. Per me è una soddisfazione personale vedere alcuni dei miei ragazzi della primavera dell’anno scorso giocarsela alla pari con gente più esperta in Eccellenza perché vuol dire che il lavoro paga sempre e da innamorato di questa squadra dico che allenare il Mestre giocando al Baracca in Eccellenza per me equivale a giocarmela tra i professionisti».

A.C.M.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Close
Back to top button
Close
Close