Sport

Il Venezia affonda a Bergamo

Un avvio da incorniciare per i nerazzurri che sorprendono il Venezia, prima al 7’ un assist incredibile di Ilicic che fa passare un pallone in mezzo a decine di gambe nell’area e serve Pasalic che taglia profondo e infila Romero. Dopo il vantaggio i nerazzurri continuano a spingere e trovano subito il raddoppio, azione veloce di prima al limite dell’aerea: Ilicic per Muriel che serve ancora Pasalic una vera e propria spina nel fianco della difesa veneziana. Anche in questo caso lo sloveno è preciso e mette in rete. Doppietta per lui e quattro gol in quattro gare. Siamo al 12’ e i nerazzurri sono già sul 2-0. La partita perde un po’ di ritmo anche se l’Atalanta mantiene saldamente il pallino del gioco anche se non riesce più a essere così pericolosa come lo era stata in avvio. Il Venezia non riesce ad organizzare una vera e propria reazione anche se in due occasioni Musso deve intervenire per mettere in angolo due palloni velenosi.

Secondo tempo

Nella ripresa il Venezia arriva subito al tiro al 4’: Musso salva su Crnigoj. Poi è solo Atalanta che quando si illumina arriva sempre con discreta facilità sotto la porta avversaria. I nerazzurri chiudono il discorso già al 12’ quando Pezzella serve al limite dell’area Koopmeiners che al volo di piatto spiazza Romero e mette a segno il 3 a 0. Poi c’è un palo di Muriel a botta sicura e al 22’ il poker ancora di Pasalic su assist di Muriel che ubriaca i difensori e poi serve su un piatto d’argento il pallone allo sloveno che non sbaglia e segna una tripletta incredibile. Poi Gasperini fa entrare Scalvini, Miranchuck e Piccoli, escono Demiral, Ilicic e Muriel. Il risultato non cambia più anche se Miranchuk ha sui piedi due bei palloni per segnare, ma nel primo caso il tiro è fuori di poco e nel secondo Romero lo anticipa in uscita.Partita perfetta per i nerazzurri, anche lasciando respirare i titolari in panchina, che sono in un momento di forma incredibile.

Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close