Sport

L’olimpia asfalta la Reyer

Tutto come da pronostico. Se in gara 1 Venezia aveva retto stavolta non ha nemmeno l’onore delle armi. Semplicemente non c’è stata storia. La squadra del patron Brugnaro è uscita da gara 2 letteralmente annientata. Ora per Milano è solo discesa. Basta una gara 3 come quella di ieri dopo la Coppa al Talierci e bye bye Brugnaro e Reyer. Infatti vittoria netta per l’Olimpia Milano contro la Reyer Venezia nella gara 2 delle semifinali scudetto: la squadra di Messina fa sua anche la seconda sfida casalinga della serie e vola sul 2-0, con tre match point a disposizione per chiudere i conti. Delaney e Rodriguez trascinatori, finisce 99-65. La serie adesso si sposta a Venezia, per le due gare di fila al Pala Taliercio. Prima però, per Milano, la gara di venerdì a Colonia contro il Barcellona di Jasikevicius nelle Final Eight di Eurolega

Primo tempo: +25 Milano, Venezia male al tiro

Kevin Punter è fuori: un risentimento muscolare al polpaccio destro priva l’arco dell’ Olimpia di una delle sue frecce. Messina opta per Delaney, Shields, Datome, LeDay e Hines nello starting five. De Raffaele si affida invece alla novità Mazzola, con Tonut, Stone, Watt e De Nicolao a completare il quintetto. Delaney apre lo score con due liberi, De Nicolao risponde da tre per il primo vantaggio Reyer. A Shields e Hines rispondono Watt e Tonut, ma Delaney firma un parziale di 12-0 per il 16-7 Milano. Biligha segna da sotto, Venezia non trova varchi e si intestardisce in difficili soluzioni dalla lunga, Roll e Rodriguez non perdonano e firmano il +16 sul 23-7, risultato con cui si chiude il primo quarto: sono già 12 i punti per Delaney, alla prima doppia cifra nei playoff. Moraschini apre i secondi 10′ per il +18, Watt ritrova finalmente il canestro per la Reyer. Rodriguez però non vuole perdere il ritmo e mette la tripla del +19. Ancora El Chaco protagonista al 7′ con una grande giocata: splendido no-look dietro la schiena che libera nall’angolo LeDay: tripla dell’americano che subisce anche fallo, chiudendo il gioco da quattro punti col libero segnato. Rotazione profonda per Messina sul +20, entra Wojciechowski che segna il suo primo canestro in movimento in questa post-season. Rodriguez al 2′ firma con una bomba il +23: Milano padrona del campo, 54-29 il risultato del primo tempo

Non c’è la reazione della Reyer, vince Milano 99-65

Tanti i minuti anche per Roll, che apre da 3 punti il secondo tempo. Solo Tonut e Watt provano a tenere a galla De Raffaele, e Venezia che riduce momentaneamente il distacco a 19. Shields però allunga ancora sul 67-44 a 4′ dal termine del terzo quarto. Gran giocata di Datome che trove LeDay con un grande assist sotto canestro, con l’ex Zalgiris che schiaccia a due mani il 73-48. La bandiera è quasi bianca per la Reyer, che a 10′ dal termine della partita si trova sotto di 25 sul 77-52. Nell’ultimo quarto arriva anche il +31 di Hines che sfrutta un altro assist irreale di Rodriguez, ormai il divario è abissale: ampio turnover milanese e Venezia che risparmia cattiveria agonistica per la prossima sfida: finisce 99-65. Decisive per Milano le percentuali al tiro e le ottime prestazioni di Delaney e Rodriguez, autori di 20 e 14 punti. Per Venezia non bastano i 15 di Watt. L’Olimpia vince e si porta sul 2-0, adesso per gli uomini di Messina l’impegno di venerdì col Barcellona nelle Final Eight di Eurolega. La serie si sposterà da mercoledì 2 giugno a Venezia, coi padroni di casa che proveranno a loro volta a far valere il fattore campo per ritornare in corsa nella serie.

 

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close