Sport

Martellago solo un punto ma la squadra cresce con mister Cominotto

Dopo la vittoria di domenica nel derby con il LiaPiave, la Liventina priva di Boem squalificato dopo l’espulsione dalla panchina, cercava conferme contro la squadra veneziana. Finisce in parità, e con i due tecnici, Rorato da una parte e Cominotto dall’altra che, se il primo tira le orecchie alla sua squadra per aver regalato troppo in termini di occasioni, l’altro litiga con il cronometro e i sei minuti e oltre di recupero fatti trascorrere dal direttore di gara.

Finisce con un pareggio che forse non accontenta nessuna delle due contendenti, ma che alla fine, soprattutto per i colori di casa, è sempre meglio di niente, se si considera che se alla fine del primo tempo era sotto di uno, ad inizio di ripresa, prima di darsi la classica scossa per cercare di arginare l’avversario e rimediare ai pasticci. E per rimediare, la Liventina ha dovuto lottare fino all’ultimo secondo. Al 19′ il vantaggio ospite: Zottino, ex di turno, si infila fra Leorato e Ianneo, e con un delizioso rasoterra infila Memo. Nella ripresa, i veneziani, vanno di dritto e di rovescio. 8′: Ginocchi servito da un compagno raddoppia per i suoi.

La Liventina comincia a giocare. Al 18′ sugli sviluppi di un calcio d’angolo, palla sulla testa di Soncin che infila Fasolo. Riaperta la partita, la Liventina vuole almeno un punto, e continua a spingere. Al 37′, il Real resta in dieci; Pettenà, già ammonito, si prende il secondo giallo, che diventa rosso. 57′: partita finisce quando arbitro fischia. In area del Real, arriva una palla che trova pronto all’appuntamento il neo entrato Costa che infila alle spalle di Fasolo.

 

 

A.C.M. 

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close