Sport

Tacopina vede il Venezia in B

Aveva lasciato l’Italia con il magone per la retrocessione in Serie C, due settimane dopo Joe Tacopina ha ritrovato il sorriso per le notizie riguardanti il Palermo che sembrano spalancare nuovamente le porte della Serie B al Venezia.

La sicurezza

Tacopina è sicuro che il Venezia giocherà la prossima serie B. La notizia è giunta pochi giorni fa. Il Palermo non ha depositato entro i termini prestabiliti alcuna documentazione via pec per l’iscrizione al prossimo campionato di serie B, né tantomeno avrebbe consegnata, come da regolamento, brevi manu le fidejussioni in originale.

La solidarietà di Tacopina

Se da una parte Joe Tacopina ha voluto esprimere la propria solidarietà per i tifosi del Palermo, dall’altra si è detto convinto che il Venezia il prossimo anno potrà giocare in serie B.

«Le regole parlano chiaro»

«Il regolamento parla chiaro, – ha detto il numero uno – il termine è perentorio e mi aspetto l’esclusione del Palermo dal campionato di serie B. Questa volta non si possono fare sconti di alcun genere. La fidejussione non depositata, è un dato di fatto incontrovertibile.

No alle deroghe

Niente deroghe di alcun tipo, creerebbero un precedente che andrebbe a minare la credibilità del sistema calcio italiano in questi ultimi mesi già messa a dura prova».

La fiducia di Tacopina

«Il calcio ha l’occasione di dare un segnale forte, di giustizia vera. – chiosa Tacopina – Nonostante abbia più volte espresso il mio disappunto voglio essere fiducioso. Sono sicuro che verranno rispettate le società che osservano le norme e le scadenze e il Venezia Fc è una di queste».

I problemi degli altri

“Il Palermo ha un problema economico, il Chievo ce l’ha, il Trapani ha problemi economici – ha dichiarato Tacopina -. Se ci fosse una legalità credo che non dovremmo avere altri problemi. Alla B ci spero, ci sono diversi club che sono in difficoltà economiche, le regole sono molto chiare, o sono bianche o sono nere. Mi preoccupa che vengano fatte eccezioni e che le regole vengano bypassate”.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Leggi anche

Close
Back to top button
Close
Close