Sport

Vincenzo Marinese: “No allo stadio”

Il botto è dopo la relazione introduttiva del presidente di Confindustria Venezia-Rovigo, quando Vincenzo Marinese ha risposto a una domanda apparentemente innocua sulla vetustà degli impianti sportivi di Venezia: «Mettetevela via, secondo me lo stadio a Tessera non si farà mai». Sconcerto tra i soci del Lions riuniti all’hotel Bologna per sentire il verbo del numero uno degli industriali, che ha proseguito senza incertezze: «Non si farà perchè non ci sono le condizioni economiche per realizzarlo, l’investimento appare troppo pesante a fronte delle potenziali entrate.

E non credo che il presidente Tacopina troverà gli investitori per un progetto di questo tipo». E a proposito di impianti sportivi, proseguendo nel ragionamento Marinese ha sottolineato che anche per il palasport ai Pili non è molto ottimista in ragione delle resistenze che sta trovando Brugnaro: «Non si capisce perchè non si possa fare un’operazione di questo tipo, solo in Italia».

Il presidente di Confindustria in precedenza aveva parlato a lungo delle strategie e delle prospettive per la città: «Per essere più competitiva – aveva osservato – Venezia ha bisogno di fare una politica forte sulle Zes, le Zone Economiche Speciali». Al Governo Vincenzo Marinese non chiede sconti, deroghe speciali o privilegi ma quanto previsto dall’Unione Europea e già fruttuosamente applicato, ad esempio, nella economicamente piccola Polonia che sta crescendo più degli altri Paesi membri.

A.C.M.


Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close