Veneto

Aifa no ad AstraZeneca in tutta Italia

Aifa, Agenzia italiana del farmaco, ha vietato l’uso dei vaccini di AstraZeneca in tutta Italia. Una sospensione in via del tutto precauzionale e temporanea, viene precisato, in attesa dei pronunciamenti dell’Ema, l’agenzia europea. Tale decisione è stata assunta in linea con analoghi provvedimenti adottati da altri Paese europei. 

La situazione negli altri paesi

Germania, Francia, Spagna, Olanda hanno adottato analoghi provvedimenti. Ora si attende una riunione straordinaria dell’Ema che avverrà solo giovedì. «Conosciamo la portata di questa decisione che non è stata presa a cuor leggero. Ma è una decisione fattuale e non politica», ha detto il ministro della Salute tedesco Jens Spahn, annunciando che la Germania ha sospeso l’uso di AstraZeneca temporaneamente.

Decisione cautelare

«È una decisione presa per pura cautela». «Per mantenere la fiducia nel vaccino dobbiamo dare ai nostri esperti il tempo di verificare i nuovi casi e sgomberare il campo da eventuali rischi», ha continuato. «Deve essere chiaro – ha aggiunto – che anche non vaccinare comporta dei rischi».

La sospensione di AstraZeneca è conseguente alle notizie di alcuni vaccinati morti per trombosi

La sospensione del Vaccino Astrazeneca da parte del governo tedesco «purtroppo è una tragedia. Astra Zeneca è fondamentale per completare il piano dei vaccini. Non c’è dubbio che Ue e gli Stati abbiano gestito male l’acquisto dei vaccini, ma AstraZeneca è pezzo fondamentale. Se la Germania prende questa linea la questione cambia radicalmente. Noi (l’Italia ndr) ne abbiamo comprati 40 milioni».

Calenda

Così l’europarlamentare Carlo Calenda, leader di Azione, intervistato da Tagadà su La7. «Servirebbe anche qui un coordinamento europee. Nnoi possiamo pure andare avanti con la somministrazione di AstraZeneca, ma se la Germania sospende, la gente va nel panico. La gente si spaventa ed è giusto. O i tedeschi hanno ragioni serie e ci si ferma o sono matti, perché così la gente si spaventa».

Tocca alla Francia

Dopo la Germania e l’Italia anche la Francia ha sospeso la somministrazione del vaccino. AstraZeneca «per precauzione», ha spiegato il presidente Emmanuel Macron in un punto stampa precisando che la decisione è stata presa in attesa del parere dell’Ema, previsto per domani.

L’OMS

«Dalla nostra ultima conferenza stampa di venerdì, molti altri paesi hanno sospeso l’uso dei vaccini AstraZeneca come misura precauzionale dopo le segnalazioni di coaguli di sangue in persone che avevano ricevuto il vaccino da due lotti prodotti in Europa. Questo non significa necessariamente che questi eventi siano collegati alla vaccinazione anti-COVID, ma è pratica di routine indagare su di essi e questo mostra che il sistema di sorveglianza funziona e che sono in atto controlli efficaci». Lo ha spiegato il direttore dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus.

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close