Veneto

Aziende italiane pronte a produrre

La comunità scientifica, da Viola a Pregliasco passando per Crisanti, concorda: il vaccino AstraZeneca potrebbe non essere sufficiente a proteggere gli italiani, in particolare nel caso di nuove varianti che alzino l’asticella dell’immunità di gregge al novanta per cento, per cui meglio puntare su Pfizer e Moderna e cercare di produrli anche in Italia. Tra il dire e il fare, però, ci sono di mezzo oceani e Alpi. Così sono partite le verifiche per la fattività dell’idea. «Le aziende farmaceutiche che non fanno vaccini avrebbero bisogno di 4-6 mesi per allestire la produzione, ma ce ne sono altre già specializzate che stanno valutando l’adattabilità dei loro impianti per l’emergenza – rivela Massimo Scaccabarozzi, presidente di Farmindustria -. Se Pfizer passasse a loro dei pezzi del suo lavoro si velocizzerebbe la produzione. L’Italia è il primo Paese europeo per i farmaci in conto terzi e non mancano le aziende interessate».

Le aziende

Una di queste è la Catalent vicino Frosinone, che già lavorerà per AstraZeneca e Johnson&Johnson. Nella stessa zona anche Sanofi Italia, come la casa madre francese, ha dato la sua disponibilità, perché il suo vaccino arriverebbe solo a fine anno. E Pfizer Italia è disponibile senza bisogno di licenze a stipulare dei contratti di produzione, che verrebbero gestiti direttamente da New York. «In questo tipo di trattative i governi possono fare poco. Sono le aziende a parlarsi e l’Aifa viene chiamata una volta individuato lo stabilimento adatto per la produzione», chiarisce Scaccabarozzi, che aggiunge: «L’importante è poi avere le siringhe necessarie, perché anche su quelle bisognerebbe pensare a un piano straordinario…».

In Veneto

Intanto in Veneto due aziende farmaceutiche si sono fatte avanti con la Regione, seguite da altre subito deviate alla finanziaria regionale Veneto sviluppo per una valutazione, e il presidente Luca Zaia è intervenuto sul tema: «La prossima settimana verrà riequilibrata la fornitura delle dosi, poi spero che da quella successiva si torni a regime. Noi non riusciamo a bypassare l’accordo europeo con Pfizer per acquistare vaccini autonomamente. Siamo tuttavia disponibili verso la casa farmaceutica per produrli direttamente sul nostro territorio».

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close