Veneto

Cinque milioni di opportunità

Cinque milioni di euro non sono pochi. Soprattutto di questi tempi. Soprattutto per le imprese, rallentate da una politica (nazionale) che non aiuta e da un fisco che stritola; ogni velleità di crescita, e a volte anche ogni speranza di rimanere a galla.

La Regione ha però lanciato due bandi succulenti, rivolti ai distretti del Commercio e all’aggregazione di imprese. Un’opportunità ghiotta per il Miranese, dove sono attivi cinque distretti del commercio: Mirano, Spinea, Martellago, Scorzè, Santa Maria di Sala.

Proprio per questo, Confcommercio del Miranese è pronta a supportare le aziende dei territori per non farsi scappare l’opportunità di finanziamento. E i fondi non sono pochi: il solo bando riservato all’aggregazione di imprese vale infatti 5 milioni di euro.

Per le imprese, quindi, la possibilità di acquistare macchinari, attrezzature, nuove tecnologie per sviluppare il proprio business e tentare di crescere.

 Ma chi può partecipare ai bandi?

Beneficiarie dei finanziamenti previsti sono i comuni e le piccole e medie imprese che operano nel commercio al dettaglio, all’ingrosso o nella somministrazione, aggregate in forma di partenariato: circostanza questa che costituisce la base dei distretti del commercio, oggi presenti e operativi, come detto, a Mirano, Spinea, Martellago, Scorzè, Santa Maria di Sala.

Confcommercio assicura quindi il suo supporto alle imprese per riuscire a portare a casa i finanziamenti.

Un bando da cinque milioni: Miranese in prima linea

«Abbiamo la possibilità di ottenere finanziamenti a beneficio del territorio e in particolare delle attività economiche commerciali grazie a un nuovo bando regionale dedicato all’aggregazione di imprese, che mette a disposizione 5 milioni per progetti conclusi entro il 30 novembre 2020 che riguardino spese per macchinari, attrezzature, hardware e software e veicoli elettrici. -spiegano il Presidente di Confcommercio del Miranese Ennio Gallo e il direttore Tiziana Molinari- Da una parte lavoreremo con le attività per cercare di favorirle nell’acquisizione di tecnologie, dall’altra affiancheremo le amministrazioni comunali dei distretti per consentire gli investimenti strutturali per il territorio. Intendiamo cogliere a fondo questa opportunità per le nostre imprese e quindi invitiamo tutti a conoscere le modalità di partecipazione al bando per non perdere questa preziosa fonte di finanziamento».

M.B

Tag
Mostra altro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close